menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il cda di Aria si è dimesso in blocco dopo il pasticcio sui vaccini anticovid

Lorenzo Gubian è stato nominato amministratore unico della società

Dopo il pasticcio vaccini dello scorso weekend si sono dimessi in blocco — come chiesto dal governatore Attilio Fontana — i membri del cda di Aria, l'azienda regionale per l'innovazione e gli acquisti. Lorenzo Gubian è stato nominato amministratore unico dell'azienda. Il fatto è stato annunciato dal vice presidente della commissione bilancio del consiglio regionale, Marco Colombo, nel corso dell'audizione dello stesso Gubian.

Che cos'è Aria Lombardia: tutti gli errori dell'azienda

Il neo amministratore unico, almeno per il momento, continuerà a ricoprire anche la carica di direttore generale di Aria, come ha riferito lui stesso rispondendo a una domanda dei consiglieri: «In questo momento conservo i due ruoli, poi è una decisione che non spetta a me. Da questa mattina sono stato nominato amministratore unico fino all'approvazione del bilancio ed è possibile che le due figure coincidano».

«L'errore zero è impossibile»

Gubian, affrontando il tema dei disservizi che si sono verificati nelle prenotazioni della campagna vaccinale (gestita dalla società regionale), ha affermato che «l'errore zero è impossibile, certamente bisogna minimizzarli, e capisco il disservizio che abbiamo creato, stiamo lavorando per migliorare sempre e continuamente per ridurre il numero di errori, ma degli errori su 1 milione e 300mila eventi (le dosi inoculate fino ad ora, ndr) possono capitare. Non sto dicendo che non ne avremmo potuti evitare alcuni, ma siamo partiti con tempi compressi, c'erano i vaccini, dovevamo iniziare la campagna, su un livello di complessità difficile da stimare all'inizio, di fronte a una campagna che non c'era mai stata in queste dimensioni».

Caos Aria Spa: il portale delle Poste entra in servizio ad aprile in Lombardia

Secondo il manager, comunque, la Lombardia starebbe gestendo bene la questione vaccini anticovid: «In Lombardia sono state gestite oltre 1,3 milioni di dosi: se fate una proporzione tra la Lombardia e il Lazio si vede che non siamo molto distanti». Non solo, Gubian ha detto che la Regione sta aumentando il numero di dosi iniettate giornalmente: «Se guardiamo i volumi siamo in crescita come capacità di fuoco giornaliera», ma «non vogliamo nascondere disguidi legati sia alla complessità della partita».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Le 10 meraviglie architettoniche da scoprire nel Lecchese

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento