Domenica, 14 Luglio 2024
Il saluto / Centro storico / Via San Nicolò

Don Davide Milani lascia Lecco: don Bortolo Uberti nuovo prevosto della città

Nativo di Valgreghentino, don Davide ha lasciato vari semi in città: Lecco Film Festival, Nuovo Cinema Aquile e nuovo Oratorio sono in cima alla piramide

Don Davide Milani lascia Lecco. Il prevosto era arrivato a metà 2018 al posto di monsignor Franco Cecchin, facendo ritorno nella sua terra natìa visto che è nato a Valgreghentino: come reso noto dall'Arcidiocesi di Milano alla Comunità Pastorale Madonna del Rosario di Lecco, “l'Arcivescovo ha accolto la richiesta della Santa Sede di inviare a servizio della Chiesa universale mons. Davide Milani, finora Responsabile della vostra Comunità Pastorale - Parroco delle Parrocchie di San Nicolò, S. Materno in Pescarenico, San Carlo al Porto di Malgrate e Rettore del Santuario della Vittoria - e Decano di Lecco”. Lecco Film Festival, Nuovo Cinema Aquile e nuovo Oratorio sono le opere più splendenti di questi sei anni, ma sono vari i semi lasciati a germogliare per la città.

Don Davide assumerà l'incarico di Segretario generale della Fondazione Pontificia Gravissimum educationis e di Officiale del Dicastero della cultura e dell'educazione della Santa Sede il cui Prefetto è il cardinale José Tolentino de Mendonça. “La notizia può rallegrarci per il prestigioso incarico affidato al nostro prevosto, ma insieme ci lascia dispiaciuti perché la nostra città si priva di una guida autorevole, e anch'io personalmente di un collaboratore prezioso”, spiega monsignor Gianni Cesena, vicario episcopale.

Dal prossimo 1° settembre la Comunità Pastorale verrà affidata a un nuovo Responsabile nella persona di don Bortolo Uberti, attualmente responsabile della Comunità Pastorale Charles De Foucauld e Decano del decanato Forlanini in Milano. Don Bortolo, nato nel 1965 e ordinato nel 1990, “viene a voi con la ricchezza dell'esperienza maturata precedentemente in altre Parrocchie a Milano e Lissone e nella cura della pastorale giovanile e universitaria diocesana”.

“È questo il tempo per tutti noi di esprimere personalmente e comunitariamente il ringraziamento a don Davide per il servizio svolto negli anni trascorsi tra voi e accompagnarlo con la preghiera verso la nuova missione che gli verrà affidata e per preparare un'adeguata accoglienza a don Bortolo. Ricordiamo entrambi nelle nostre preghiere, e affidiamo al Signore la vita delle nostre comunità cristiane, affinché - crescendo nello stile della comunione e della fraternità - possano essere segno vivo del Vangelo nel mondo di oggi e nelle realtà in cui viviamo quotidianamente. Chiedo al Signore di benedire il cammino di questi presbiteri e delle comunità”.

“Costa, ma devo obbedire”

“Cari amici, scrivo per un passaggio che mi riguarda. Dalla Santa Sede hanno chiesto all’Arcivescovo di Milano il mio incarico a tempo pieno a servizio del Dicastero della Cultura e dell’Educazione, il cui Prefetto è il cardinale Josè Tolentino de Mendoza - spiega don Davide Milani -. Stasera alle 18 è stato dato l’annuncio in Basilica di San Nicolò a Lecco dal vicario episcopale di zona monsignor Gianni Cesena. È molto faticoso per me lasciare questa comunità che mi ha accolto sei anni fa, questa amata città così generosa. Obbedisco sinceramente, ma costa. Spero questo passaggio sia fruttuoso come tutti quelli in cui ho obbedito. Vi chiedo una preghiera. Da qui a settembre, data dal trasferimento, tanti e molteplici appuntamenti e occasioni di incontro ci attendono per continuare a vivere insieme questa straordinaria esperienza di fede e amicizia condivisa”.

“Il Papa chiede don Davide Milani”

“Carissimi fedeli della comunità pastorale Madonna del Rosario di Lecco, immagino i vostri sentimenti in queste ore, all'annuncio del distacco di monsignor Davide Milani dalle vostre parrocchie e dalla città. Ritengo di conoscere il vostro stato d'animo perché lo scorso anno, celebrando tra voi, ho potuto apprezzare la stima e l'affetto che avete per il vostro parroco e perché so che nel cuore di don Davide c'è la stessa tristezza, lo stesso affetto, la stessa fatica a separarsi da voi - spiega il cardinale José Tolentino de Mendonça, Prefetto del Dicastero della cultura e dell'educazione della Santa Sede -. Mons. Milani avrebbe preferito restare tra voi a Lecco, ma Papa Francesco chiede a voi e a lui con libertà un gesto di obbedienza sincera: lasciare la vostra bellissima comunità cristiana, così ricca di fede e tradizione, così importante per l'Arcidiocesi di Milano, per mettersi a servizio della Chiesa universale”.

“Dal settembre prossimo, trasferendosi in Vaticano, sarà a tempo pieno mio collaboratore al Dicastero per la Cultura e l'Educazione della Santa Sede e Segretario Generale della Fondazione Pontificia "Cultura per l'Educazione Gravissimum Educationis". Le qualità umane, pastorali, spirituali e culturali che avete apprezzato in lui, e che tanto bene hanno fatto in mezzo a voi, ora sono richieste come servizio non più solo alla Chiesa che è in Lecco, ma alla Chiesa che è in tutto il mondo. Comprensibilmente questa notizia provoca in voi e in lui smarrimento e tristezza: spero, però, che questi sentimenti possano presto tramutarsi nella riconoscenza per quanto ricevuto, nella preghiera per il nuovo tratto di cammino umano e ministeriale che lo attende. Dovete essere orgogliosi per aver contribuito alla sua formazione negli anni lecchesi con la vostra amicizia, testimonianza e collaborazione, plasmando don Davide così come ora è”.

“Il servizio sacerdotale che svolgerà nel campo della cultura e dell'educazione è importante non meno di quello cui si è dedicato da parroco tra voi con passione in questi anni, provocando non solo la comunità cristiana ma tutta la Città di Lecco e il territorio con il Vangelo proposto attraverso la preghiera, la liturgia, la predicazione, nella formazione e nella carità, forme che don Davide ha saputo mediare anche con quei linguaggi culturali magnifici e potenti, per parlare di Dio, che sono l'arte, la letteratura, il cinema, la comunicazione. Cristo chiede di essere proposto, conosciuto e amato dentro le nostre comunità cristiane ma al tempo stesso vuole raggiungere tutti nella società plurale. La proposta cristiana che l'azione culturale e educativa della Chiesa testimonia è un'offerta generosa all'umanità di cui c'è urgenza. Amici di Lecco, grazie per il dono che fate alla Chiesa accompagnando don Davide in questa nuova stagione della: sua vita. Vi ringrazio di questo regalo e vi benedico di cuore nel Signore”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Don Davide Milani lascia Lecco: don Bortolo Uberti nuovo prevosto della città
LeccoToday è in caricamento