Dove fare il vaccino anti-influenzale a Lecco e in Lombardia: tutte le informazioni

Campagna vaccinazione, a chi rivolgersi

Con l'emergenza sanitaria causata dal coronavirus, la vaccinazione antinfluenzale è un alleato importante e risulta fondamentale per le persone ad alto rischio, sia per la tutela della loro salute, sia per semplificare la gestione e le diagnosi tra i casi sospetti Covid-19 e i casi di influenza stagionale, i cui sintomi sono tra loro molto simili.

A partire dalla terza settimana di ottobre 2020 è partita la campagna di vaccinazione antinfluenzale che sarà gratuita inizialmente per i pazienti fragili e le donne in gravidanza. A novembre 2020, sarà il turno degli over 65 e a seguire gli operatori sanitari e i bambini fino al sesto anno, infine sarà promossa anche tra gli over 60 sani.

Le vaccinazioni antinfluenzali saranno erogate:

  • dai Medici di Medicina Generale che aderiscono alla campagna: in questo caso è consigliato verificare le modalità dell’offerta presso il proprio Medico di Medicina Generale;
  • presso i Centri vaccinali delle ASST (Aziende socio sanitarie territoriali);
  • nei luoghi dedicati, individuati dalle ASST anche con la collaborazione dei Comuni.

E’ più importante accordarsi preventivamente con il proprio Medico o con le ASST di riferimento e rispettare modalità e tempi della prenotazione, così da garantire il rispetto delle norme di distanziamento ed evitare assembramenti.

Quest’anno l’offerta della vaccinazione proseguirà per tutta la stagione influenzale e, compatibilmente con l’esaurimento dell’offerta gratuita alle categorie a rischio, i centri vaccinali apriranno anche la possibilità della vaccinazione in co-pagamento. Le campagne vaccinali sui vari territori sono coordinate dall’ATS di riferimento e in concomitanza con il loro avvio, tutte le informazioni su tempistiche, modalità e luoghi di erogazione delle vaccinazioni saranno aggiornati e disponibili sui siti web di ciascuna ATS.

Per le altre zone della Lombardia: 

ATS BERGAMO

ATS BRESCIA

ATS CITTA' METROPOLITANA DI MILANO

ATS INSUBRIA

ATS MONTAGNA

ATS PAVIA in pubblicazione

ATS VALPADANA

Elenco delle categorie raccomandate per le quali è offerta gratuitamente la vaccinazione

  • soggetti di età pari o superiore a 65 anni,
  • donne che all’inizio della stagione epidemica si trovano in gravidanza,
  • bambini di età superiore ai 6 mesi, ragazzi ed adulti - affetti da patologie che aumentano il rischio di complicanze da influenza, quali:
  • bambini e adolescenti in trattamento a lungo termine con acido acetilsalicilico, a rischio di Sindrome di Reye in caso di infezione influenzale, 
  • persone residenti presso strutture socio-sanitarie, per anziani o disabili,
  • medici e personale sanitario di assistenza, personale di assistenza in case di riposo ed anziani a domicilio, volontari dei servizi sanitari di emergenza: le revisioni sistematiche hanno dimostrato che proprio in questo gruppo vi è evidenza di efficacia, anche ai fini della limitazione complessiva nella diffusione del contagio tra la popolazione,
  • persone conviventi con soggetti portatori di patologie di cui al punto 2) che non possono essere vaccinati,
     
  • personale che, per motivi di lavoro, è a contatto con animali (suini e volatili) che potrebbero costituire fonte di infezione da virus influenzali non umani:
     
    • addetti alle attività di allevamento,
    • addetti al trasporto di animali vivi,
    • macellatori e vaccinatori,
    • veterinari pubblici e libero-professionisti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia nel Comando della Polizia Locale: colpo di pistola, muore un giovane agente

  • Tragedia a Valgreghentino: giovane giardiniere muore travolto da un escavatore

  • Emergenza Covid: a San Girolamo chiese chiuse e Padri Somaschi in quarantena

  • Oggi a Villa San Carlo i funerali Ugo Gilardi, «Un ragazzo d'oro»

  • Le regole per Natale 2020: cosa succede con gli spostamenti tra regioni, il coprifuoco e il cenone

  • Regione Lombardia, Fontana conferma: «Da domenica saremo in "zona arancione". No al "liberi tutti"»

Torna su
LeccoToday è in caricamento