Nuovo Dpcm: stop anticipato a ristoranti-bar, no al divieto di circolazione

Nella bozza del nuovo decreto c'è la stretta, ma nessun lockdown e nessun divieto di spostamento tra Regioni. Le nuove misure anti-Covid entreranno probabilmente in vigore dal 26 ottobre, ovvero da lunedì. Ma per bar e ristoranti valgono da lunedì

Giuseppe Conte, premier italiano

C'è la bozza del nuovo Dpcm in arrivo. Le nuove misure anti-Covid entreranno probabilmente in vigore dal 26 ottobre, ovvero da lunedì. E' quanto prevede la bozza - provvisoria - del Dpcm che il governo si accinge a varare. Nel testo, invece, non è individuato il lasso di tempo per il quale le misure saranno valide. Nella bozza, infatti, è indicato il mese di "novembre" ma non è segnato il giorno. Il possibile stop per bar e ristoranti sarà fissato alle 18.

Nuovo Dpcm: stop a ristoranti e bar dopo le 18 dal 26 ottobre

Numerosi sarebbero gli interventi, ma nessun lockdown: dal 26 ottobre chiusura anticipata nei feriali e totale nei festivi per le attività di ristoranti, bar, pub, gelaterie e pasticcerie: durante la settimana potranno restare aperti dalle 5 fino alle 18, (o alle 20, secondo altre voci, ed essendo una bozza è bene prendere ogni dettaglio col benefcio del dubbio). Sull'orario si sta ancora ragionando infatti.  L'anticipo della chiusura dei locali, si apprende ancora, non comporterebbe però un anticipo del coprifuoco in termini di divieto di circolazione. Il consumo al tavolo è consentito per un massimo di quattro persone per tavolo, salvo che siano tutti conviventi. Inoltre nella bozza si prevede che dopo le 18 (o le 20) sia vietato il consumo di cibi e bevande nei luoghi pubblici e aperti al pubblico, ma è consentita la ristorazione con consegna a domicilio.

bozza dpcm 25 10 2020-2

"Resta consentita senza limiti di orario - si legge ancora - la ristorazione negli alberghi e in altre strutture ricettive limitatamente ai propri clienti;resta sempre consentita la ristorazione con consegna a domicilio nel rispetto delle norme igienico-sanitarie sia per l’attività di confezionamento che di trasporto, nonché fino alle ore 24,00 la ristorazione con asporto, con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze". Le Regioni possono però introdurre limitazioni più stringenti.

Stop poi all'attività di palestre, piscine e sale giochi. Fonti dell'esecutivo precisano all'Ansa che, in vista di quella finale, le misure contenute nella bozza potrebbero cambiare.  

7-4-79

Un estratto della bozza

La bozza del nuovo Dpcm: nessun divieto di spostamento

"È fortemente raccomandato a tutte le persone fisiche di non spostarsi, con mezzi di trasporto pubblici o privati, in un comune diverso da quello di residenza, domicilio o abitazione, salvo che per comprovate esigenze lavorative, di studio, per motivi di salute, per situazioni di necessità o per svolgere attività o usufruire di servizi non sospesi e non disponibili in tale comune", riporta la bozza del Dpcm. Nessuno stop quindi agli spostamenti tra le Regioni: non sembra essere un'opzione al momento. Nella bozza non si prevede più un divieto di spostamento, come fu per il lockdown in primavera.

"Sono sospese le attività di sale giochi, sale scommesse e sale bingo e casinò. Sono sospesi gli spettacoli aperti al pubblico in sale teatrali, sale da concerto, sale cinematografiche e in altri spazi anche all'aperto" si legge ancora nella prima bozza del Dpcm al quale sta lavorando il governo. La bozza, precisano fonti dell'esecutivo, è provvisoria e le misure potrebbero essere soggette a modifiche.

Pressoché certe le chiusure di piscine, palestre e centri termali. Il protocollo, aggiornato con misure ancora più stringenti solo una settimana fa, non è ritenuto sufficiente. La bozza prevede che siano “sospese le attività di palestre, piscine, centri natatori, centri benessere, centri termali, fatta eccezione per l’erogazione delle prestazioni rientranti nei livelli essenziali di assistenza, nonché centri culturali, centri sociali e centri ricreativi; ferma restando la sospensione delle attività di piscine e palestre, l’attività sportiva di base e l’attività motoria in genere svolte presso centri e circoli sportivi, pubblici e privati, sono consentite nel rispetto delle norme di distanziamento sociale e senza alcun assembramento, in conformità con le linee guida emanate dall’Ufficio per lo sport, sentita la Federazione medico sportiva italiana (FMSI), fatti salvi gli ulteriori indirizzi operativi emanati dalle Regioni e dalle Province autonome, ai sensi dell’art. 1, comma 14, del decreto-legge n. 33 del 2020”.

Spettacoli, chiese, musei: che cosa c'è nella bozza del nuovo Dpcm

"Sono sospesi gli spettacoli aperti al pubblico in sale teatrali, sale da concerto, sale cinematografiche e in altri spazi anche all'aperto". "E' fortemente raccomandato l'uso dei dispositivi di protezione delle vie respiratorie anche all'interno delle abitazioni private in presenza di persone non conviventi" viene ribadito nel nuovo Dpcm anti-Covid che il governo dovrebbe approvare domani. "E' fatto obbligo di mantenere una distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro".

"L'accesso ai luoghi di culto avviene con misure organizzative tali da evitare assembramenti di persone, tenendo conto delle dimensioni e delle caratteristiche dei luoghi, e tali da garantire ai frequentatori la possibilità di rispettare la distanza tra loro di almeno un metro".

"Il servizio di apertura al pubblico dei musei e degli altri istituti e luoghi della cultura è assicurato a condizione che detti istituti e luoghi, tenendo conto delle dimensioni e delle caratteristiche dei locali aperti al pubblico, nonché dei flussi di visitatori (più o meno di 100mila l'anno), garantiscano modalità di fruizione contingentata o comunque tali da evitare assembramenti di persone e da consentire che i visitatori possano rispettare la distanza tra loro di almeno un metro. Il servizio è organizzato tenendo conto dei protocolli o linee guida adottati dalle Regioni o dalla Conferenza delle regioni e delle province autonome". E' quanto si legge nella bozza del nuovo Dpcm, riportata da tutte le genzie di stampa. "Le amministrazioni e i soggetti gestori dei musei e degli altri istituti e dei luoghi della cultura - si legge ancora - possono individuare specifiche misure organizzative, di prevenzione e protezione, nonché di tutela dei lavoratori, tenuto conto delle caratteristiche dei luoghi e delle attività svolte; resta sospesa l'efficacia delle disposizioni regolamentari di cui all'art. 4, comma 2, secondo periodo, del decreto del Ministro per i beni culturali e ambientali 11 dicembre 1997, n. 507, che prevede il libero accesso a tutti gli istituti e ai luoghi della cultura statali la prima domenica del mese".

Dpcm 25 ottobre: cosa si prevede per la didattica a distanza

"Le Università, sentito il Comitato universitario regionale di riferimento, predispongono, in base all'andamento del quadro epidemiologico - si legge nella bozza del Dpcm - , piani di organizzazione della didattica e delle attività curriculari in presenza e a distanza in funzione delle esigenze formative tenendo conto dell'evoluzione del quadro pandemico territoriale e delle corrispondenti esigenze di sicurezza sanitaria ed, in ogni caso, nel rispetto delle linee guida del Ministero dell’università e della ricerca, nonché sulla base del protocollo per la gestione di casi confermati e sospetti di Covid-19".

"A beneficio degli studenti che non riescano a partecipare alle attività didattiche o curriculari delle università e delle istituzioni di alta formazione artistica musicale e coreutica - si legge ancora - tali attività possono essere svolte, ove possibile, con modalità a distanza, individuate dalle medesime università e istituzioni, avuto anche riguardo alle specifiche esigenze degli studenti con disabilità; le università e le istituzioni assicurano, laddove ritenuto necessario e in ogni caso individuandone le relative modalità, il recupero delle attività formative, nonché di quelle curriculari, ovvero di ogni altra prova o verifica, anche intermedia, che risultino funzionali al completamento del percorso didattico; le assenze maturate dagli studenti di cui alla presente lettera non sono computate ai fini della eventuale ammissione ad esami finali nonché ai fini delle relative valutazioni".

Conte: «Prossime settimane complesse»

Sono ore convulse. «A causa del ritmo di crescita del contagio anche le prossime settimane si preannunciano molto complesse. Non potremo in alcun modo abbassare la guardia di fronte all'avanzata del virus». Così stamattina il premier Giuseppe Conte in un videomessaggio per l'Assemblea annuale di Cna (Confederazione nazionale dell'artigianato). «Se non proteggeremo la salute del cittadino non potremo proteggere nemmeno la nostra economia, vanno di pari passo. Stiamo definendo modalità quanto più efficaci e rapide per offrire ristoro agli operatori economici in difficoltà», aggiunge il presidente del Consiglio. «Siamo consapevoli del fatto che non tutte le misure adottate hanno agito con la tempestività necessaria e che le amministrazioni pubbliche nel loro complesso possono migliorare le loro performance. In particolare nella capacità di aiutare rapidamente, efficacemente e concretamente le imprese». «Dobbiamo superare i nodi strutturali che hanno ridotto le difese immunitarie della nostra economia» ha detto inoltre il premier. «Faccio un appello, uniamo le forze per cambiare l'Italia, per renderla più moderna e semplice senza lasciare indietro nessuno. Le porte del governo sono sempre aperte. Il cantiere della Nuova Italia è aperto. Abbiamo bisogno di tutti gli italiani».

L'obiettivo del governo è «escludere categoricamente un nuovo lockdown» ha detto la ministra delle Infrastrutture, Paola De Micheli.

La ripresa dei contagi è preoccupante e sta spazzando via «quel cauto ottimismo che ci aveva indotto a pensare che il peggio fosse passato». Si va delineando uno scenario di «nuova emergenza e di misure restrittive destinate con ogni probabilità a estendersi e irrigidirsi e a creare nefasti effetti sui redditi, sull`occupazione e sulla sopravvivenza stessa delle imprese» secondo il presidente della Cna, Daniele Vaccarino, nel corso dell`assemblea annuale della confederazione sottolineando che la situazione impone «tempestivi interventi per evitare in ogni modo un nuovo lockdown generale».

Crisanti: «Un lockdown ora non sarebbe risolutivo»

«Se ci troviamo in questa situazione il 'merito' è del comitato tecnico scientifico che si è allineato ad aspettative di tipo politico, ed è sbagliato»: l'accusa è del microbiologo Andrea Crisanti intervenuto ad un dibattito organizzato da DigitalMeet, festival digitale che si sta tenendo in questi giorni a Padova. Crisanti ha affermato che un lockdown in questo momento sarebbe utile solo parzialmente, ma poi la situazione tornerebbe ad aggravarsi. «Google, Apple, Facebook, Amazon sono società private che hanno a disposizione una quantità enorme di dati su spostamenti e tracciabilità delle persone - ha sottolineato - dati che se fossero messi a disposizione di chi pianifica la vita sociale ed economica sarebbero utilissimi, purtroppo non li abbiamo».

Crisanti ha ricordato di aver consegnato al Governo un documento a fine agosto in cui dava le linee per uscire dalla crisi alla quale si stava affacciando l'Italia: «Non sono stato ascoltato - ha aggiunto - non servono tamponi a tappeto, servono tamponi che consentano di bloccare i positivi e fermare la catena dei contagi. E' per questo che ne servono di più, potenzialmente erano attività che costavano poco». «Senza sapere come si muove il virus un lockdown ora è utile solo a bloccare la situazione - ha concluso - ma poi ne sarà necessario un terzo, un quarto, quello che serve sono le informazioni e i tracciamenti, altrimenti continueremo a navigare in un mare in tempesta senza approdare mai da nessuna parte».

«La decisione definitiva su lockdown o no-lockdown va presa al più tardi martedì sera dopo due giorni di dibattito parlamentare nel quale il Governo spieghi davanti al Paese le precise misure sanitarie d'urgenza sulle quali è davvero in grado di impegnarsi», si augurava Marco Cappato. Si procede invece col nuovo Dpcm.

Nuovo Dpcm: il governo è al bivio, tutte le ipotesi

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia nel Comando della Polizia Locale: colpo di pistola, muore un giovane agente

  • Tragedia a Valgreghentino: giovane giardiniere muore travolto da un escavatore

  • Emergenza Covid: a San Girolamo chiese chiuse e Padri Somaschi in quarantena

  • Oggi a Villa San Carlo i funerali Ugo Gilardi, «Un ragazzo d'oro»

  • Lecco si sveglia in zona arancione: ecco cosa cambia dalla "rossa"

  • Regione Lombardia, Fontana conferma: «Da domenica saremo in "zona arancione". No al "liberi tutti"»

Torna su
LeccoToday è in caricamento