Mandello, il sindaco: «Non segnalate sui social ma chiamate le forze dell'ordine»

Fasoli si rivolge in video a chi denuncia pubblicamente persone per strada: «Contatatte Polizia locale o Carabinieri per i controlli. Nel weekend sentieri e lago sotto sorveglianza»

 

«Non abbiamo bisogno che facciate segnalazioni sui social se vedete persone in giro, ma che chiamiate la Polizia locale o i Carabinieri o comunque chi può fare controlli».

A lanciare l'appello è il sindaco di Mandello Riccardo Fasoli, rispondendo implicitamente alle tante "denunce" pubbliche registrate sui gruppi Facebook negli ultimi giorni, dove sembra essere scattata (come sempre, del resto) la "caccia all'untore" e l'esposizione alla gogna mediatica (ricordiamo che in questo momento per uscire occorrono validi motivi, ma chi posta foto di persone per strada non li ha certo verificati ed è passabile, in alcuni casi, di querela).

Nove deceduti e 29 contagiati. Fasoli: «I casi reali potrebbero essere un centinaio»

«Non si facciano segnalazioni "passa tanta gente" ma si usino i canali corretti - spiega il sindaco - Così come non si devono usare i cavilli delle ordinanze per uscire. Cerchiamo di stare in casa il più possibile, altrimenti significherebbe avere il paese pieno di gente». Nel prossimo weekend, tra festività pasquali e - previsioni meteo alla mano -  bel tempo, «attiveremo la vigilanza attiva sui sentieri soprattutto e nella zona a lago». 

I numeri dell'epidemia da Covid-19 a Mandello sono stabili, anche se si è verificato un aumento dei soggetti a sorveglianza attiva che lo stesso sindaco ha così motivato: «Teniamo monitorati tutti i casi con sintomi influenzali. Quindi se qualcuno vedesse più sacchi di indifferenziata davanti alle case non si preoccupi, non c'è problema per la cittadinanza e anzi fare questi sacchi differenti favorisce la tutela di tutti».

Mascherine: alcune consegnate, altre in arrivo

Fasoli ricorda un altro passaggio importante: la questione mascherine giunte dalla Protezione civile. «È stato fatto un gran lavoro: la Cooperativa Incontro ne ha distribuite tantissime e presto confidiamo di averne abbastanza per riuscire a distribuirne due a tutti i nuclei famigliari. Queste mascherine servono esclusivamente per uscire in caso di necessità, quindi siate solidali: ciascuno ne dovrà ritirare soltanto una». Nel frattempo dal Comune si lavora anche per imbustare le mascherine raccolte grazie all'iniziativa "Sport per la vita" che vede scendere in campo le associazioni sportive del territorio mandellese e lacustre.

Potrebbe Interessarti

Torna su
LeccoToday è in caricamento