Nasce un fenicottero rosa al Parco Le Cornelle: il nome lo scelgono i follower

Dopo un anno ecco un cucciolo simbolo di speranza, non si sa ancora se maschio o femmina. Un contest sulla pagina Facebook per decidere come si chiamerà

Il cucciolo di fenicottero rosa nato a Le Cornelle con la madre

Un nuovo fiocco al Parco Faunistico Le Cornelle, ed è già caccia al nome: non è ancora possibile sapere se il colore sia rosa o azzurro, ma il cucciolo di fenicottero rosa nato una decina di giorni fa è già il simbolo di speranza e rinascita che dal Parco raggiunge tutte le persone impegnate a fronteggiare l'epoca del Coronavirus. Il nome? Il Parco ha deciso di condividere la scelta grazie al contest sulla pagina Facebook del Parco, che sarà attivo da mercoledì 15 a domenica 19 aprile 2020.

"Cornelle": un fiocco rosa per salutare l'arrivo della nuova stagione

Il neonato in casa Phoenicopterus roseus, a un anno dall'ultima nascita nell'area, ha superato con successo sia la fase di incubazione di circa un mese che avviene dopo la deposizione dell'uovo fino alla schiusa, sia il primo periodo di vita, fondamentale per accorgersi in tempo utile di eventuali criticità, ed è regolarmente visitato dai veterinari del Parco Faunistico Le Cornelle per monitorarne lo stato di salute.

Il pulcino si presenta di un piumino grigiastro, questo perché la tipica colorazione rosa è dovuta ai pigmenti rosso/arancione, chiamati carotenoidi, contenuti in gran quantità nelle alghe e nei piccoli organismi di cui si nutrono questi animali e che si manifesterà raggiunta la maturità. Nei primi mesi di vita, il fenicottero verrà nutrito con il latte del gozzo dell'adulto, per poi passare - come tutti gli altri - a nutrirsi con piccoli organismi acquatici, gamberetti e alghe. I genitori continuano a nutrire i piccoli sino a un anno di vita.

Trampolieri ghiotti di gamberetti

Questi magnifici esemplari, provenienti principalmente da Africa, Europa meridionale e India settentrionale, sono uccelli trampolieri e sono molto amati dai più piccoli proprio per questa caratteristica, oltre che per l'accesa colorazione del manto. Sono degli animali sociali che si muovono in grossi stormi e vivono in acque basse e aree palustri. Due caratteristiche che rendono unici questi animali sono il collo lungo e lo strano becco che gli permettono di cibarsi nelle acque basse setacciando l'acqua per trattenere i piccoli organismi in essa contenuti. Nel Parco, vengono nutriti principalmente con cibi specifici a base di gamberetti. 

Le Cornelle, oltre ai 75 esemplari di fenicottero rosa, ospita altre specie di fenicotteri tra cui quello cileno e quello minore. Il fenicottero più anziano appartiene alla specie di fenicottero cileno e ha oltre 40 anni. Nonostante la sua veneranda età gode di ottima salute.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Concorso "Assegna un nome"

Il contest del Parco Le Cornelle per assegnare un nome al cucciolo avrà la durata di cinque giorni (da mercoledì 15 aprile a domenica 19 aprile 2020) sulla pagina Facebook del Parco. Chiunque vorrà, infatti, potrà partecipare alla scelta del nome del piccolo fenicottero commentando il post che lo ritrae. È possibile indicare nel commento sia un nome femminile che un nome maschile (verranno considerati solo i nomi inseriti come commento al post). Lo staff del parco sceglierà tre nomi maschili e tre nomi femminili tra quelli proposti e saranno i fan a votare il più bello. Il vincitore riceverà un biglietto d'ingresso omaggio utilizzabile entro la stagione 2021.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giornata flagellata dal maltempo: una quarantina di interventi nel territorio

  • Olginate: trovato in fin di vita, ciclista muore lungo l'alzaia

  • «La vostra sanità funziona e ci ha aiutati», ristoratori egiziani devolvono nuovamente il loro incasso all'ospedale

  • Bimba ha fretta di nascere, donna partorisce nel tunnel del Monte Barro

  • Un panino di due metri e un "bollicine" di 9 litri, festa a San Giovanni per il barista Willy

  • Manifesto accusa Fasoli: «Come Pinocchio». Il sindaco: «Alle urne abbiamo visto tutti come è andata»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccoToday è in caricamento