"Standout", un cortometraggio per sensibilizzare sul bullismo

A realizzarlo il videomaker Jonathan Polotto: «Ho scritto la storia rivivendo la mia esperienza personale. Vorrei non accadesse ad altri ragazzi»

 

Un film sul bullismo, sull'abisso in cui può fare precipitare i ragazzi che lo subiscono, sul coraggio di reagire per spiccare il volo nella propria vita.

È davvero toccante il cortometraggio prodotto da Jonathan Polotto - giovane videomaker lariano che lo scorso giugno salì agli onori della cronaca per avere lanciato la prima pizza nello spazio - sull'ignobile fenomeno purtroppo sempre più diffuso nell'ambiente scolastico (e non solo).
"Standout", questo il titolo del film che ha richiesto diverse settimane di lavoro e post-produzione, è uscito sul canale YouTube di Polotto lunedì 1° ottobre, riscontrando subito numerose visualizzazioni e apprezzamenti per l'alta qualità.

Il dramma e il riscatto di David

Il corto racconta la triste vicenda personale di David, studente preso di mira dai coetanei per via del suo aspetto fisico. Il giovane, dopo l'ennesimo atto di bullismo subito, tenta di farla finita ma sarà l'amicizia di una compagna, Anna, e la fiducia da lei riposta nelle sue reali capacità a concedergli la chance del riscatto.

Jonathan, da Como al Garda in bicicletta

«Ho scelto questa tematica principalmente perché ho vissuto a livello personale un dramma simile. Sono partito dalla mia storia per scrivere lo storyboard - racconta Jonathan - L'idea è sensibilizzare sul bullismo per arginare il fenomeno, lo scopo non fare passare ad altre persone quello che ho patito io. Ho cominciato a lavorarci a luglio 2018, a settembre abbiamo cominciato le riprese e a tempo di record lo abbiamo montato».

Grazie all'aiuto di alcuni sponsor che hanno sostenuto l'iniziativa, Polotto sta cercando di candidare "Standout" ad alcuni festival internazionali riservati ai cortometraggi e proporlo a reti televisive considerato l'interesse pubblico del tema.

L'emozionante video del volo spaziale della pizza

«La caratteristica principale di "Standout" è l'assenza di attori professionisti: sono ragazzi normalissimi che ho selezionato tramite un invito sui miei canali social. Tecnicamente il film è stato girato tra le province di Monza e Como, con le scene finali all'Idroscalo di Como».

Le prime reazioni al cortometraggio sono positive: «Al di là dei numeri, quel che conta sono le parole - conclude Jonathan - ho ricevuto tanti commenti da ragazzi che non conoscevo, anche persone di un certo calibro nel mondo del cinema. È un primo, importantissimo passo per diffondere "Standout"».

Potrebbe Interessarti

Torna su
LeccoToday è in caricamento