La crisi della Sittel di Colico finisce in un'interrogazione parlamentare

A presentarla Gian Mario Fragomeli, deputato lecchese della Brianza e Capogruppo Pd in Commissione Finanze alla Camera: «Ho chiesto di promuovere, con la massima urgenza, il tavolo di concertazione istituzionale»

I lavoratori della Sittel in presidio per protesta

«Con l'interrogazione depositata quest'oggi, ho chiesto ai Ministri del Lavoro e dello Sviluppo economico di intervenire al più presto allo scopo di fare chiarezza nella vicenda che coinvolge i quarantacinque dipendenti della società "Sittel Spa" di Colico. Non possiamo permettere che, ancora una volta, le lavoratrici e i lavoratori siano gli unici a pagare l'incapacità di un'azienda di gestirsi nel migliore dei modi».

Gian Mario Fragomeli, deputato lecchese della Brianza e Capogruppo Pd in Commissione Finanze alla Camera, interviene in questo modo nella questione che vede protagoniste le maestranze della Sittel di Colico, azienda che si occupa di cablatura telefonica rame-elettrica e fibra e che da tre mesi, ormai, non paga più gli stipendi ai propri dipendenti.

Lo stipendio salta ancora, i lavoratori Sittel incrociano le braccia

«Vorrei ricordare - continua il parlamentare Democratico - come, ad aprile di quest'anno, la società abbia deciso, in maniera del tutto unilaterale, di recedere dal Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro Metalmeccanico-Industria in vigore e di adottare il Ccnl Telecomunicazioni, causando in questo modo una decurtazione dello stipendio mensile pari a circa 300 euro. Subito dopo, inoltre, ai dipendenti non è più stato versato lo stipendio e, come se ciò non bastasse, si è scoperto che, da oltre un anno e mezzo, l'azienda ha consapevolmente mancato di effettuare anche i versamenti destinati al Fondo pensione integrativo del Ccnl Metalmeccanici, il Fondo Cometa. Tutto questo, a fronte di una società con un fatturato medio annuo di oltre 60 milioni di euro (è la sesta di questo tipo a livello nazionale) e che vanta numerose commesse in corso - con richieste di opere e nuovi cantieri che sovente non riesce nemmeno a soddisfare - e che impiega circa quattrocentocinquanta dipendenti distribuiti in tutto il Paese».

Lavoratori della Sittel in presidio: «Senza stipendio da tre mesi»

«Ai Ministri interrogati - conclude Fragomeli - ho quindi chiesto di promuovere, con la massima urgenza, il tavolo di concertazione istituzionale già richiesto lo scorso 6 novembre dalle organizzazione sindacali e di garantire la continuità salariale, la tenuta occupazionale e la stabilità economica per le lavoratrici e i lavoratori che, quotidianamente, contribuiscono alla crescita e allo sviluppo digitale del Paese».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Giù le mani dalle mogli degli altri»: sui muri bellanesi insinuazioni contro il maresciallo

  • Lecco si sveglia in zona arancione: ecco cosa cambia dalla "rossa"

  • Regione Lombardia, Fontana conferma: «Da domenica saremo in "zona arancione". No al "liberi tutti"»

  • Lombardia, Fontana annuncia: «Siamo in zona arancione, a breve la decisione del governo». Cosa cambia

  • Furgone si ribalta all'interno di una galleria: lunghe code sulla Statale 36, chiuso il tratto di Perledo

  • Uomo cade da scala, giovane si lesiona due dita: soccorritori in azione

Torna su
LeccoToday è in caricamento