Attualità Monte Marenzo

Dai fumogeni dei tifosi agli striscioni degli amici: il commosso addio a John

In tanti hanno partecipato a Monte Marenzo ai funerali del compianto cinquantenne, uomo impegnato nelle associazioni e supporter del Lecco

In tantissimi hanno tributato ieri l'ultimo commosso saluto a John Mangili, il cinquantenne di Monte Marenzo venuto a mancare all'età di soli 50 anni. L'uomo era molto conosciuto e stimato nel territorio della valle San Martino e del Lecchese anche per il suo prezioso impegno nelle associazioni, dal gruppo Andek a quello Missionario. Insieme ai commossi ricordi degli amici, in occasione dei funerali celebrati nel pomeriggio di lunedì 11 ottobre dal parroco don Angelo Roncelli, i tifosi del Lecco hanno acceso alcuni fumogeni in suo onore: John era infatti da tempo un appassionato supporter bluceleste con il gruppo UnoNoveUnoDue. Riportiamo di seguito il ricordo di Angelo Fontana della Polisportiva di Monte Marenzo e alcune immagini delle esequie davvero molto partecipate.

Funerali John-2

Funerali assocoazione-2

Ciao John

La chiesa parrocchiale di Monte Marenzo, ieri era un tripudio di fiori, di profumi e di colori. Tante le persone presenti, giunte anche da paesi limitrofi, ma sui loro volti non aleggiava un sorriso, bensì tanta malinconia e dolore, poiché non si è mai preparati a “lasciare andare via” un figlio, un marito, un fratello, un amico, un compagno di lavoro, un concittadino presente e collaborativo in varie associazioni e attività, sempre disponibile e propositivo. Se poi questa dipartita avviene tanto improvvisa, quanto inaspettata, lo smarrimento è ancor più grande.

John è stato salutato con affetto e riconoscenza da don Angelo Roncelli che ha officiato le esequie con parole di gratitudine e di speranza per i familiari, per la moglie Lorena, la mamma Maria e la sorella Carla e per chi continua a tenere vivo il suo ricordo. La commozione, durante la Santa Messa, era palpabile, anche nelle voci di chi partecipava leggendo e cantando.

Un’emozione avvertita ancora di più quando il feretro, trasportato a spalle da tanti Amici, si è avviato verso il cimitero, tra due ali di tifosi del Lecco, che nei giorni scorsi, in suo onore e memoria avevano appeso uno striscione nello Stadio Rigamonti di Lecco. Proprio i tifosi blucelesti hanno poi acceso dei fumogeni al suo passaggio.

Una commozione che è andata crescendo, quando al Camposanto Romina Locatelli ha letto una testimonianza di grande amicizia della famiglia Locatelli: "John oltre che un amico, era per noi come un fratello, un figlio".

Luciana Ravasio ha quindi letto la preghiera del Cacciatore. Stefano Losa a nome degli amici di Andek ha letto una testimonianza della grande amicizia, del rispetto e della simpatia che tutti avevano nei confronti di John. Carmelo Borchiero ha letto la Preghiera del gruppo Missionario. Il Maestro Gabriele Bolis ha reso un omaggio musicale, in seguito si sono innalzati in volo i colombi bianchi dell’amico Pietro Locatelli. Così, con lo sguardo al cielo, seguendo il librarsi di quelle bianche ali,….

“ Ciao John, arrivederci”, ora siamo profondamente tristi, ma continueremo a vivere ricordandoti, seguendo il tuo esempio e ringranziando il Signore per averti donato a noi, uomo buono dal cuore grande e generoso.

Funerali Monte Marenzo 1-2

Funerali 3-4-2

Il mondo della scuola piange il professore Agostino Graziano

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dai fumogeni dei tifosi agli striscioni degli amici: il commosso addio a John

LeccoToday è in caricamento