Lecco "zona rossa", Gattinoni: «Misura proporzionata, non dobbiamo abbassare la guardia». Richiesta di riclassificazione?

Il sindaco della città capoluogo sulle misure prese dal Governo. Si pensa a richiedere la riclassificazione al ribasso del nostro rischio tra due settimane: «Perchè avvenga servono responsabilità e attesa»

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LeccoToday

Cari lecchesi,

come sapete, anche il nostro territorio da oggi è interessato dalle misure della cosiddetta "zona rossa”, che qui di seguito vedrete riassunte. Sono consapevole della severità di queste norme e del sacrificio che ci viene nuovamente richiesto. Potrebbe apparire sproporzionata questa misura restrittiva se paragonata a quanto noi possiamo vedere e sperimentare nel quotidiano. Ma sappiamo bene che non è così e che non dobbiamo abbassare la guardia. Assieme agli altri sindaci dei comuni capoluogo e ai rappresentanti delle Provincie, abbiamo chiesto alla Regione di poter disporre dei dati esatti circa l’andamento degli indici di emergenza, così da poter valutare se avviare nelle opportune sedi un’azione che porti ad una riclassificazione al ribasso del nostro rischio.

Perché ciò avvenga occorrono due cose: che i nostri comportamenti siano responsabili, altrimenti gli indici non si abbasseranno, e attendere almeno due settimane. Agli adolescenti, a tutti quei lavoratori autonomi o dipendenti di attività a più alto rischio di contatto sociale, alle famiglie, dico che non dovete essere dimenticati. Il supporto sociale, economico e psicologico resta una priorità tanto quanto la salute di tutta la comunità: su questo punto, come Sindaco del Comune di Lecco, sostengo e sosterrò in ogni sede il supporto a quei cittadini più fragili, più colpiti dalle chiusure, più soli, per superare, insieme, questo momento difficile e lavorerò affinché, di fronte a un auspicato miglioramento della situazione, le maglie delle misure possano allentarsi per ridare fiato a tutti noi. A tutti voi una richiesta: oltre ogni perplessità o sfiducia, abbiamo il dovere e la responsabilità di osservare con rispetto le norme, perché siamo consapevoli che esse indicano la traccia per una più rapida ripresa.

Mauro Gattinoni
Sindaco di Lecco

zona rossa regole novembre 2020-2

Torna su
LeccoToday è in caricamento