Al via il progetto di Soccorso Sanitario Nautico: Idroambulanza con Unità Cinofile

A Bellano il progetto ha preso forma ormai un anno fa e vuole partite con l'arrivo del 2021

A Bellano è in arrivo l’idroambulanza al servizio del centro-alto Lario. Partito nell’autunno del 2019, questo progetto sta prendendo forma e si propone di “prendere il largo” con l’inizio del nuovo anno. Il Lago di Como è ogni anno sempre più frequentato da utenti che ne apprezzano le acque per nuotare o praticare sport, per navigare con natanti, barche a vela, canoe, tavole sup, kite-surf, wind-surf. Anche le pareti a strapiombo sulla costa sono divenute palestre o campi da arrampicata sportiva.

Il desiderio di essere d’aiuto a chi si trova in difficoltà durante  le attività praticate in ambiente acquatico ha spinto il Soccorso Bellanese ad elaborare un progetto e a reperire le risorse per la sua realizzazione. L’imbarcazione da soccorso è in allestimento e sarà pronta nei prossimi mesi. «L’iniziativa nasce dalla collaborazione tra Soccorso Bellanese e ACSN Associazione Cinofila Salvamento Nautico con il supporto della rete Anpas Lombardia e grazie al contributo dell’Autorità di Bacino del Lario, ente sempre attento a sostenere queste iniziative di prevenzione e assistenza in acqua», spiega Paolo Rusconi, presidente del Soccorso Bellanese.

Il Soccorso Bellanese dal 1991 si occupa del Soccorso Sanitario con ambulanze nel territorio del Lario orientale e delle sue valli. ACSN è presente sul lago da molti anni e negli ultimi 4 ha trasferito la sua base a Bellano e i suoi operatori si sono più volte distinti per interventi di salvataggio grazie alle capacità delle unità cinofile. «A bordo dell’idroambulanza Soccorritori esecutori, operatori di salvamento abilitati e unità cinofile uniranno le loro competenze per offrire un servizio efficiente. Intervenire rapidamente in acqua fino ad ampie distanze dalle coste è possibile solo grazie ad un mezzo versatile, dalle buone prestazioni, sviluppato per queste esigenze e studiato per affrontare l’ambiente acquatico, equipaggiato con attrezzature adeguate a questo genere di intervento e per le pratiche di primo soccorso e di trasporto sanitario», aggiunge Rusconi. 

Le risorse per sostenere l’iniziativa vengono dalle raccolte fondi e dalle attività di trasporto remunerate effettuate dal Soccorso Bellanese. «Naturalmente il servizio non vuole essere una sovrapposizione o un’invasione di campo rispetto al servizio tecnico urgente magistralmente svolto dai Vigili del Fuoco di Bellano. Semmai un prezioso supporto in caso di necessità per il bene degli utenti», conclude Rusconi.

Per chi fosse interessato a sostenere questo progetto è possibile contattare il referente dell'attività di soccorso nautico al numero 3383917642 o inviare una mail all'indirizzo idrosoccorso@soccorsobellanese.it

progetto idroambulanza bellano-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico investimento sulla direttrice Milano-Lecco: la vittima era scomparsa nella mattinata

  • La Lombardia torna in zona rossa, cosa si può fare e cosa no

  • Doppia tragedia sui monti che circondano il Lecchese: morti due uomini a Brumano e sul San Primo

  • Lecco, la Lombardia è zona rossa fino al 31 gennaio. Ecco le regole

  • Stroncato da un malore in montagna: Mandello piange Carlo Gilardi

  • Calolzio: scoperta società legata alla malavita, il Prefetto De Rosa la chiude

Torna su
LeccoToday è in caricamento