Occhio alla mail! L'Inps: «In circolazione un allegato contenente un agente virale»

Raffaele Pece, direttore provinciale ha divulgato un'informativa

L’Inps ha avvisato tutti i suoi utenti «di fare attenzione ad una nuova mail di phishing che utilizza il nome di INPS per ingannare il destinatario del messaggio e indurlo ad aprire un file allegato .xls contenente un agente virale», spiega Raffaele Pece, direttore provinciale dell'ente pubblico.

«L’oggetto dell’email - prosegue Pece -, come il nome dell’allegato, può variare, per cui si invita a diffidare di tali comunicazioni, ignorando mail di cui non è possibile accertare l’origine (soprattutto quando richiedono l’apertura di un allegato o il click su un link) e a non aprire allegati dei quali non si è certi della provenienza».

L’Istituto ha inoltre informato i cittadini «che esistono società, non correlate e non riconducibili all'INPS, che fanno riferimento nel proprio nome, in tutto o in parte, a "INPS" e che stanno offrendo dei servizi in termini equivoci o ingannevoli».

In particolare, «l’INPS segnala che alcuni utenti hanno ricevuto SMS da parte di società d’intermediazione finanziaria che pubblicizzano prestiti sponsorizzati come “convenzionati” con l’Istituto, i cui siti non rimandano affatto ai benefici erogati istituzionalmente dall’INPS ai propri iscritti e pensionati. Si ricorda che gli unici servizi offerti da INPS sono quelli disponibili sul sito istituzionale ed elencati nella sezione dedicata».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia nel Comando della Polizia Locale: colpo di pistola, muore un giovane agente

  • Tragedia a Valgreghentino: giovane giardiniere muore travolto da un escavatore

  • Emergenza Covid: a San Girolamo chiese chiuse e Padri Somaschi in quarantena

  • Oggi a Villa San Carlo i funerali Ugo Gilardi, «Un ragazzo d'oro»

  • Le regole per Natale 2020: cosa succede con gli spostamenti tra regioni, il coprifuoco e il cenone

  • Regione Lombardia, Fontana conferma: «Da domenica saremo in "zona arancione". No al "liberi tutti"»

Torna su
LeccoToday è in caricamento