"La Nostra Famiglia", lettera aperta dei lavoratori: «Grave interrompere le trattative per il rinnovo del contratto scaduto da 13 anni»

Critiche alla dirigenza: «Incomprensibile come un istituto che afferma di credere in valori religiosi e di voler fare “il bene fatto bene”, si dimentichi di quelle persone che praticamente e quotidianamente fanno quel bene. La misura è colma»

Bosisio Parini: un momento dell'assemblea dei lavoratori che si è tenuta il 30 gennaio insieme ai sindacati.

Lettera aperta del personale de "La Nostra Famiglia" dopo la forte preoccupazione per l'annuncio, da parte dei vertici dell'importante azienda socio-assistenziale, di voler disdire unilaterale i contratti applicati ai lavoratori. Ieri si è tenuta un'assemblea sindacale sul tema.

I sindacati: nuovi problemi per i lavoratori de "La Nostra Famiglia"

Poco fa la Cgil ha diffuso la lettera che porta la firma del personale de "La Nostra Famiglia" della Lombardia delle sedi di Bosisio Parini, Ponte Lambro, Lecco, Como, Sesto San Giovanni, Carate Brianza, Mandello del Lario, votata all’unanimità dalle assemblee dei lavoratori tenutesi il 30 gennaio. Ecco il testo integrale.

Il testo integrale della lettera aperta del personale

Per tutti noi operatori è stato estremamente deludente leggere quello che è successo in questi giorni, con l’interruzione delle trattative per il rinnovo di un contratto scaduto oramai da 13 anni. Ma è stato per noi ancora più grave e doloroso leggere i comunicati emessi dalla nostra dirigenza relativi l’applicazione del contratto per le RSA e CDR sottoscritto nel 2012.

Questo è stato doppiamente grave: - Prima di tutto per i contenuti del contratto, che di fatto ci vedrebbe ancora più impoveriti, con addirittura una perdita in termini contrattuali, non soltanto economica ma anche normativa, con un aumento delle ore di lavoro senza compenso ed inoltre senza che questo garantisca effettivamente un miglioramento del servizio erogato all’utenza. - Secondariamente per la reiterazione di una ormai lunga tradizione di incapacità di comunicazione da parte di una dirigenza che provocatoriamente propone questo contratto peggiorativo proprio mentre tutti credevamo di essere così vicini al rinnovo del CCNL, e oltretutto comunicandoci che questo viene fatto nel nostro interesse. Come se dovessimo ringraziare la direzione per avere ancora un posto di lavoro. Quella stessa dirigenza che sul territorio si fregia dell’eccellenza della qualità delle cure erogate, ma che dentro casa non è in grado di riconoscere dignità agli operatori che garantiscono quei livelli di eccellenza. Operatori che per 13 anni hanno offerto non solo la loro professionalità, ma anche un’ empatia ed un’ umanità manifestata nei questionari di gradimento compilati dall’utenza. Da 13 anni fanno tutto questo con uno spirito di sacrificio che questa dirigenza non riconosce, anzi denigra.

È ancora più grave ed incomprensibile come un istituto, che afferma di credere in valori religiosi e di voler fare “il bene fatto bene” , si dimentichi per prima cosa di quelle persone che, a differenza di chi compie scelte sulle spalle degli altri, non si limitano a proporlo come uno slogan, ma che invece praticamente e quotidianamente fanno quel bene. La misura è colma. Non siamo disposti ad ulteriori sacrifici. Chiediamo solo che ci venga riconosciuto quanto ci spetta. Non accettiamo che la prima misura per rientrare nel bilancio sia sempre quella di tagliare sulle spese sul personale, perché questo sicuramente si accompagnerà ad una perdita di qualità (poco coerente con quanto si afferma nella mission aziendale, di volervi impegnare per il bene dei pazienti). Riteniamo che vi siano molte altre possibilità per far quadrare il bilancio, prima di arrivare a rivalersi sui dipendenti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Da qualche anno è stato stilato un nuovo organigramma, che ha previsto un incremento delle “poltrone amministrative” - Abbiamo un centro “avveniristico”, in cui i pazienti sono ricoverati anche per tempi lunghi, ma non siamo in grado di offrire dei servizi alla nostra utenza. Servizi, come un bar o piccoli negozietti, che potrebbero fruttare un cospicuo introito. - Abbiamo un 6°padiglione con aule e sale conferenze in larga parte inutilizzate. Con un po’ di lungimiranza si potrebbero utilizzare questi spazi per corsi di formazione che consentendo al contempo di avere personale più formato e le casse più piene. Noi operatori della sanità certamente tratteremo i nostri assistiti come sempre perché dopo tanti anni il BENE FATTO BENE è realmente una parte di noi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'ordinanza diventa più breve: ridotta di dieci giorni la durata, mantenuti i divieti

  • Importante scoperta sul Coronavirus: nell'équipe svizzera c'è un mandellese

  • Addio a Mario La Barbera, colonna dei Volontari del Soccorso di Calolzio

  • Tragedia a Valmadrera: addio al consigliere comunale Pamela Cazzaniga

  • Coronavirus, il punto. Nel Lecchese oltre cento tamponi positivi in un giorno, quasi seimila decessi in Lombardia

  • Il territorio olginatese piange la dottoressa Anna Maria Focarete, medico di base per oltre 30 anni

Torna su
LeccoToday è in caricamento