rotate-mobile
Sabato, 26 Novembre 2022
Attualità

Fontana nel Lecchese: "Fare sistema per il bene dei territori". Le opere in programma

Il presidente della Regione in visita a Civate, a Campsirago e al Lavello: "Per avere risultati servono coesione, semplificazione e niente campanilismi". Sul piatto 14 milioni di euro

Nuove risorse per l'Alta Brianza, il Lario Orientale e la Valle San Martino. Sono state ufficializzate oggi in occasione della visita di Attilio Fontana, presidente di Regione Lombardia, in provincia di Lecco per parlare della Nuova Area interna con sindaci e amministratori locali, e fare così il punto sugli interventi in programma in questi tre territori. Dopo Civate e Campsirago, Fontana è arrivato al monastero di Santa Maria del Lavello insieme all'assessore regionale agli Enti locali e montagna, Massimo Sertori, e al sottosegretario regionale con delega a Sport, Olimpiadi 2026 e Grandi Eventi, Antonio Rossi. Qui l'attenzione è stata rivolta all'Area al confine con la provincia di Bergamo.

"Tutti insieme possiamo e dobbiamo fare la nostra parte per valorizzare questo territorio, ricco di potenzialità per quanto riguarda il turismo e florido per la sua realtà imprenditoriale - ha esordito Attilio Fontana - Per ottenere risultati concreti occorre fare rete ed evitare i campanilismi. Le parole d'ordine devono essere coesione, semplificazione e sostenibilità. Sappiamo che i principali problemi da risolvere riguardano la tutela del territorio rispetto a rischi idrogeologici e la carenza di infrastrutture. Regione Lombarbia è pronta a fare la sua parte".

Rossi Fontana e Valsecchi-2

Ad accogliere la delegazione della Giunta regionale il sindaco di Calolzio Marco Ghezzi, il presidente della Fondazione Lavello Roberto Monteleone, il Consigliere regionale Mauro Piazza, il presidente della Provincia di Lecco Alessandra Hoffman, il prefetto Sergio Pomponio, i sindaci Marco Passoni (Olginate), Luca Pigazzini (Carenno), Paola Colombo (Monte Marenzo), Paolo Lozza (Vercurago), Giancarlo Valsecchi (Erve), il presidente della Comunità Montana Lario orientale Valle San Martino Carlo Greppi e numerose altre autorità locali.

Fontana e De Capitani-2

"L'Area Interna è uno strumento che serve a potenziare e ottimizzare gli investimenti, facendo sistema con gli enti locali - ha aggiunto Fontana - La precedente programmazione prevedeva 4 'Aree interne' in Lombardia. Noi ne abbiamo aggiunte altre 10, per un totale di 14, in modo da mettere a disposizione ulteriori risorse e progettualità su territori che necessitano di essere valorizzati. La parte lecchese di questa Area Interna ha caratteristiche differenti: Alta Brianza, Valle San Martino e Comuni che si affacciano sul Lario, ognuna con le sue specificità ed esigenze che Regione è pronta ad accogliere. I fondi per le Aree Interne si sommeranno a quelli già stanziati: col Piano Lombardia abbiamo finanziato infrastrutture strategiche, così come sono significativi i fondi messi in campo per la difesa del suolo. La giornata di ascolto è utile per costruire insieme un percorso concreto e condiviso".

Primo piano Hoffman-2

Sono 22 i Comuni della Provincia di Lecco inseriti dalla Regione Lombardia nella nuova Area Interna "Lario Orientale, Valle San Martino e Valle Imagna", con l'obiettivo di mettere in campo nuove risorse e attivare una strategia di rilancio territoriale di concerto con gli enti locali. Un'area di oltre 91mila abitanti in totale che comprende: Abbadia Lariana, Ballabio, Calolziocorte, Carenno, Cesana Brianza, Civate, Colle Brianza, Ello, Erve, Galbiate, Garlate, Lierna, Malgrate, Mandello del Lario, Monte Marenzo, Olginate, Oliveto Lario, Pescate, Suello, Valgreghentino, Valmadrera, Vercurago.

Il piano di investimenti da definire con gli enti locali: 14 milioni per ciascuna delle 14 Aree Interne, totale 196

Proprio a Calolzio il presidente e gli esponenti della Giunta regionale hanno presentato a sindaci e stakeholder del territorio la nuova 'Agenda del Controesodo e la Strategia delle Aree Interne', un piano di investimenti da definire con gli enti locali che beneficia di 196 milioni di euro di risorse europee e regionali (circa 14 milioni per ciascuna delle 14 Aree Interne).

Fontana Civate-2

La riqualificazione dell'area sul lungolago di Civate

Il tour istituzionale è iniziato a Civate, dove Regione Lombardia nei giorni scorsi ha stanziato 900.000 per riqualificare l'area 'Ex Mexico' in località Isella, sulla sponda del Lago di Annone. Un'opera da 1,1 milioni di euro che vede la compartecipazione con 200.000 del Comune di Civate. In particolare, si prevede la ricostruzione di un edificio di due piani fuori terra da destinare in parte a sede di associazioni locali e in parte a bar/caffetteria e la riqualificazione dell'area esterna che comprende zona gioco per bimbi e percorso benessere/fitness. "L'intervento nella zona del lungolago - ha sottolineato il governatore - è un esempio dell'impegno di Regione Lombardia: supportiamo gli enti locali e recuperiamo le risorse necessarie per migliorare il territorio, così da renderlo più vivibile a beneficio di residenti e turisti".

Colle Brianza, la rigenerazione del Borgo di Campsirago

La visita è proseguita a Colle Brianza, in particolare nella località di Campsirago, dove Regione Lombardia ha stanziato 144.748 euro per il restauro di Palazzo Gambassi, come primo passo per la rigenerazione culturale, sociale e urbana del borgo brianzolo. "Il Monte di Brianza è un territorio di notevole bellezza - ha chiosato Attilio Fontana - e interventi come quello di Campsirago possono rappresentare l'inizio di un'inversione di tendenza, contribuendo ad arginare lo spopolamento e attirando nuovi abitanti. La Brianza sa offrire anche angoli incantevoli come questo, luoghi da riscoprire e soprattutto rivitalizzare".

Il convento di Santa Maria del Lavello a Calolzio

Intervento Ghezzi-2

Al convento di Santa Maria del Lavello è stato illustrato nei dettagli il Piano Lombardia con il quale sono stati assegnati al territorio lecchese oltre 134 milioni per la realizzazione di vari interventi. Queste alcune delle opere principali che interessano l'Area Interna in questione:

  • Abbadia Lariana-Colico - PCIR 3 dell'Adda: itinerario cicloturistico: 14.844.884 euro
  • Garlate: realizzazione di nuova rotatoria 200.000 euro
  • Lecco: itinerario cicloturistica dell'Adda - Bione-Rivabella 810.000 euro
  • Lecco: itinerario cicloturistico dell'Adda - Caviate-Bione 1.000.000 euro
  • Lecco: adeguamento dello svincolo del Bione 4.000.000 euro
  • Lecco e Garlate: interventi di impiantistica sportiva 2.290.000 euro
  • Lierna: nuovo tombotto ferroviario di via Leopardi 140.000 euro
  • Mandello del Lario: manutenzione straordinaria ponte di via Segantini 500.000 euro
  • Linea MI-LC-Tirano: interventi e nuovi treni che interessano il lecchese: 70.200.000 euro
  • Interventi infrastrutturali lacuali riferiti al solo territorio lecchese 2.900.000 euro
  • Interventi sul trasporto pubblico locale riferiti al solo territorio lecchese 2.500.000 euro.

Prima fila lato-2

Il programma 2022-2026 prevede inoltre una serie di 'interventi urgenti e prioritari per la difesa del suolo e la mitigazione dei rischi idrogeologici' e finanzia alcune opere nell'Area Interna in questione, in particolare:

  • Regimazione idraulica/idrogeologica torrente Toscio a Civate e Valmadrera: 525.000 euro
  • Regimazione idraulica torrente Gallavesa a Vercurago - Lotto 2: 970.000 euro
  • Messa in sicurezza torrente Gandaloglio Colle Brianza-Dolzago - Lotto 3: 570.000 euro
  • Sicurezza versanti e regimazione vallette loc. Moregallo a Mandello: 1.000.000 euro.

Con il "Bando dissesti" sono stati inoltre finanziati interventi nell'Area interna nei Comuni di Calolziocorte, Carenno, Cesana Brianza, Civate, Erve, Galbiate, Garlate, Mandello del Lario, Monte Marenzo, Oliveto Lario, Valgreghentino e Vercurago per un totale di 2.600.347 euro.

Antonio Rossi: "Segnali importanti per un territorio interessato anche da investimenti legati alle Olimpiadi 2026"

"Prosegue l'impegno di Regione Lombardia per tutti i territori lombardi - ha commentato l'assessore regionale Massimo Sertori - in particolare per quelli che presentano maggiori condizioni di fragilità. Il tour costituisce il punto di avvio del percorso che porterà Regione e questa Area interna a definire servizi migliori e più efficienti". Il Sottosegretario Antonio Rossi ha invece sottolineato: "L'inclusione di 22 Comuni lecchesi in questa Area Interna è un nuovo segnale di attenzione al nostro territorio, che da qui ai prossimi anni sarà interessato anche dagli investimenti legati alle Olimpiadi 2026. Occorre fare squadra e mettere in atto ogni azione utile per concretizzare queste opportunità".

Veduta sala da destra-2

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fontana nel Lecchese: "Fare sistema per il bene dei territori". Le opere in programma

LeccoToday è in caricamento