Statale 36: in corso disgaggio e messa in sicurezza. Rocciatori al lavoro a duecento metri di altezza

I rocciatori stanno eseguendo le spettacolari manovre ad altissima quota sulla striscia d'asfalto

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...
 

A seguito del miglioramento delle condizioni meteo, tecnici dell’Anas, rocciatori e geologi hanno avviato nelle prime ore di sabato mattina le operazioni di disgaggio di massi pericolanti e messa in sicurezza sulla pendice di Lierna lungo la strada statale 36 “del Lago di Como e dello Spluga”. 
Prima della salita dei rocciatori sul versante, è stato effettuato un nuovo volo dell’elicottero della Protezione civile regionale per individuare con maggiore precisione le aree dove erano presenti massi instabili e da cui si sono distaccati i blocchi di roccia a oltre 200 metri di altezza sul versante prospiciente le carreggiate della statale. Anche venerdì le operazioni sono state condotte con l’ausilio di un elicottero e di un drone. Già le prime ispezioni avevano evidenziato la necessità di intervento su alcune placche di materiale instabile che dovranno essere rimosse o consolidate.

Ancora disagi sulla Provinciale 72, confermata l'apertura del bypass 

Parziale riapertura al termine della messa in sicurezza

Nel frattempo Anas sta già lavorando da sabato mattina alla predisposizione del doppio senso di circolazione sulla carreggiata opposta con le opportune attività di installazione della segnaletica e dello scambio di carreggiata, in piena sicurezza per la circolazione. La parziale riapertura sarà possibile solo al termine delle operazioni e dopo aver accertato che non ci siano altre instabilità sulla parete rocciosa e non vi sia alcun rischio per la viabilità in transito lungo la statale

Gli enti coinvolti

Le attività, programmate presso la Prefettura di Lecco, coinvolgono Anas (Gruppoo FS Italiane), la Regione Lombardia, gli Enti territoriali e le Forze dell’Ordine. Nel corso dell’incontro di ieri è stata prospettata la possibilità di riaprire al traffico la carreggiata sud (direzione Lecco) predisposta a doppio senso di circolazione. Il permanere della chiusura della carreggiata nord potrà invece consentire l’ultimazione delle attività di messa in sicurezza della pendice anche tramite il riposizionamento delle reti paramassi danneggiate dal movimento franoso di ieri.

I percorsi alternativi

Attualmente permane il percorso alternativo attivo da giovedì sera con il traffico in direzione nord deviato in uscita allo svincolo di Abbadia Lariana, al km 57,600, mentre il traffico in direzione sud è deviato in uscita a Bellano, al km 75,350, con prosecuzione sulla strada provinciale 72.
In vista dei rientri previsti dal pomeriggio di domani dalle località turistiche della Valtellina, si consiglia come ulteriore percorso alternativo, per i veicoli in transito sulla statale 38 in direzione sud, di imboccare, al trivio  Fuentes, la statale 340dir in direzione Como.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Potrebbe Interessarti

  • Cronaca

    Peso da 120 chili sulla mano: giovane operaio perde le dita

  • Video

    Da una sponda all'altra del lago, ma in auto: nasce il progetto Larioland

  • Attualità

    Fumo marrone dal camino di Silea. Scoppia la polemica, l'azienda: «E' solo vapore sporco»

  • Sport

    Calcio Lecco, Mario Tesini è il nuovo Direttore Sportivo: «Serie C? Altra cilindrata, valuteremo l'ossatura della squadra»

Torna su
LeccoToday è in caricamento