Mandello del Lario: conclusa la posa della fognatura nel centro storico

Un investimento da un milione di euro e della durata di venti mesi

Una fase dei lavori svolti a Mandello del Lario

Si sono conclusi con la metà di giugno i lavori di posa della fognatura nera nel centro storico di Mandello del Lario. L’intervento, durato 20 mesi, ha visto la separazione dell’esistente rete mista in rete nera e meteorica, nonché la realizzazione di nuovi e numerosi tratti di fognatura nera a servizio di intere vie che in precedenza avevano come recapito finale il Lago. Questo ha, negli anni, causato problemi di inquinamento delle acque lacustri e, se trascurato, avrebbe dato il via a nuove procedure di infrazione da parte dell’Unione Europea.

Intervento da un milione di euro

L’obiettivo del progetto è stato quindi quello di recapitare le acque bianche (le meteoriche di pioggia) direttamente a Lago e le nere al depuratore di Via Maestri Comacini. Approfittando degli scavi sono state posate anche le nuove tubazioni della rete di distribuzione acquedottistica.

L’investimento, del valore di quasi un milione di Euro, ha comportato la separazione della rete mista, la posa della nuova rete fognaria, il completo rifacimento della rete acquedottistica e la messa in funzione di una nuova stazione di sollevamento in Piazza Garibaldi, a completa tenuta stagna di odori e rumori, necessaria per il rilancio delle acque reflue verso il depuratore.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia nel Comando della Polizia Locale: colpo di pistola, muore un giovane agente

  • Tragedia a Valgreghentino: giovane giardiniere muore travolto da un escavatore

  • Emergenza Covid: a San Girolamo chiese chiuse e Padri Somaschi in quarantena

  • Oggi a Villa San Carlo i funerali Ugo Gilardi, «Un ragazzo d'oro»

  • Le regole per Natale 2020: cosa succede con gli spostamenti tra regioni, il coprifuoco e il cenone

  • Controlli anticovid nel Lecchese: due esercizi lecchesi vengono chiusi, nove i cittadini sanzionati

Torna su
LeccoToday è in caricamento