Guerra in Siria: oggi presidio a Lecco in appoggio al popolo curdo

A proporlo la Tavola della Pace e il Comitato Lecchese per la Pace e la Cooperazione tra i Popoli. Appuntamento alle 17 in Piazza Diaz di fronte al Municipio

Le operazioni militari in Siria (Foto Ansa)

La situazione drammatica della Siria, con i continui bombardamenti contro la popolzione curda nel nord del Paese, non lascia indifferente il nostro territorio. Da più parti si levano infatti cori di sdegno verso le azioni della Turchia e di solidarietà verso le vittime.

Le associazioni che costituiscono la Tavola della Pace di Lecco e provincia e il Comitato Lecchese per la Pace e la Cooperazione tra i Popoli guardano alla situazione in Siria con profonda preoccupazione e attenzione. «Chiediamo all'Europa una risposta forte e unitaria di fronte alle azioni belliche portate avanti dal presidente turco Recep Erdogan e a ogni forma di invasione territoriale e persecuzione di civili».

Per questi motivi la Tavola della Pace e il Comitato Lecchese per la Pace e la Cooperazione tra i Popoli organizzano un presidio per oggi, giovedì 17 ottobre, alle  18 in Piazza Diaz a Lecco (di fronte al Municipio), come forma di appoggio al popolo curdo, contro ogni guerra e per spingere il Governo italiano a intraprendere tutte le misure atte a trovare una soluzione pacifica e condivisa. Tutta la cittadinanza è invitata a partecipare.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Saltano i premi di produttività: lavoratori del Cfpa di Casargo sul piede di guerra

Al presidio, fra gli altri, hanno già annunciato la propria adesione il Partito della Rifondazione comunista e il Pd. «Il Pd sta seguendo con grande apprensione quanto sta accadendo in questi giorni sul confine tra Turchia e Siria, condannando con forza le azioni di Erdogan e chiedendo lo stop immediato all'esportazione di armi verso la Turchia - si legge in un comunicato giunto dal Pd Lecco - Non bisogna dimenticare che i curdi sono stati in prima fila nella lotta contro l'Isis, un nemico che a oggi non è ancora stato sconfitto del tutto. Questa azione militare destabilizza ulteriormente una regione già martoriata dalla lunga guerra, e saranno ancora degli innocenti a pagare il conto più alto».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente di via Papa Giovanni: morta la 19enne sbalzata da un'automobile

  • Aggressione in Piazza XX Settembre: volano le sedie, un ferito

  • Giovane investita in via Papa Giovanni: il colpevole fugge ma viene rintracciato, la 19enne finisce in ospedale

  • Transumanza da record a Lecco: atteso sabato il passaggio di 3.200 pecore

  • Il ricordo di Chiara in via Papa Giovanni: «Sarai sempre nei nostri cuori»

  • Allo stadio "Rigamonti-Ceppi" l'ultimo saluto alla giovane Chiara Papini. Ai domiciliari l'investitore

Torna su
LeccoToday è in caricamento