menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Virginio Brivio, sindaco di Lecco

Virginio Brivio, sindaco di Lecco

Coronavirus, i sindaci lombardi unanimi: «Chiudere per due settimane tutte le attività commerciali»

La lettera, siglata da tutti i primi cittadini delle città capoluogo, è stata indirizzata al Governo Conte. Intanto Kiko, Luisa Spagnoli e Calzedonia chiudono i loro punti vendita in città

Sindaci lombardi uniti per chiedere la chiusura della Lombardia. O, per meglio dire, dei bar e dei ristoranti, esercizi che possono esercitare la loro attività dalle 6 alle 18. In tanti, però, hanno scelto di abbassare la serranda autonomamente, seguendo il consiglio della Fipe Lecco e di Confcommercio. I primi cittadini delle città capoluogo lombarde, quindi, hanno sottoscritto una lettera indirizzata al Governo Conte, trovando il consenso di Regione Lombardia e Anci Lombardia. Nel frattempo i brand Kiko, Luisa Spagnoli e Calzedonia hanno deciso che non apriranno i loro punti vendita, presenti anche nel Lecchese, fino al prossimo 3 aprile.

A spingere per l'adozione della misura è anche Matteo Salvini, leader della Lega: «Tutto quello che non è strategico, giù. Meglio chiudere per due, tre settimane, salvare vite, piuttosto che tirare avanti con zone arancioni». Lo ha detto a Tg2 Post, parlando dell'emergenza Coronavirus. «Lo abbiamo detto a Conte, le stesse imprese dicono "fateci chiudere", tanto vale imporre un sacrificio agli italiani piuttosto che la solita cosa vaga con le autocerficazioni», ha aggiunto il segretario federale.

I sindaci lombardi al Governo: «Chiudete tutto fino al 3 aprile»

Nella lettera - firmata dai sindaci Giuseppe Sala di Milano, Giorgio Gori di Bergamo, Emilio Del Bono di Brescia, Mario Landriscina di Como, Gianluca Galimberti di Cremona, Virginio Brivio di Lecco, Sara Casanova di Lodi, Mattia Palazzi di Mantova, Dario Allevi di Monza, Fabrizio Fracassi di Pavia, Marco Scaramellini di Sondrio, Davide Galimberti di Varese nonché Mauro Guerra di Anci Lombardia e Vittorio Poma dell'Upl, l'unione delle Province lombarde - i firmatari affermano di «giudicare positivamente la decisione del Governo di estendere a tutto il Paese misure restrittive e precauzionali per contrastare la diffusione del coronavirus».

Si tratta infatti di «misure necessarie a fronte del continuo aumento dei contagi e dell'urgenza di tutelare la tenuta, già messa fortemente a rischio in alcune regioni, del sistema sanitario. Come noto, la Lombardia presenta il numero più alto di contagi e, nonostante le misure delle scorse settimane, tale crescita non pare arrestarsi, né diminuire. Nonostante gli sforzi importanti e straordinari in corso da settimane negli ospedali lombardi, non possiamo non affermare, con assoluta responsabilità e consapevolezza dell'importanza di tali parole, che senza ulteriori misure restrittive qui corriamo seriamente il rischio di veder crollare il primo diritto di un sistema sanitario universale: il diritto alla cura per tutti». Per questi motivi, «sentiamo il dovere, insieme, sindaci dei Comuni capoluogo lombardi e Regione Lombardia e Anci Lombardia, di chiedere al Governo ulteriori misure per la nostra regione, capaci di ridurre maggiormente i contagi, nonché di consentire ai sindaci coerente e maggiore capacità di garantirne il rigoroso».

Per queste misure che «evidentemente aggravano ancor maggiormente la tenuta dei sistemi economici locali», i sindaci delle città della Lombarida chiedono che «lo Stato garantisca con certezza e tempestività, in apposito decreto o altro provvedimento, metodo e tempistica dei ristori economici alle stesse attività». La stessa richiesta viene avanzata «per i bilanci dei Comuni, già fortemente provati sulla spesa corrente, i quali subiranno ulteriori e importanti minori entrate da imposte, tributi, tariffe, riduzione di servizi, riduzione dei dividendi da partecipate, in funzione della drastica diminuzione delle attività». Se «non anticipatamente ristorati, i bilanci dei Comuni lombardi rischieranno di non riuscire a ottemperare al dovere di mantenimento dei servizi di welfare, politiche educative e servizi di sicurezza, nonché a sostenere una minima, ma fondamentale ripartenza del tessuto economico commerciale delle città». Infine, «si richiede certezza di sostegno economico finanziario al trasporto pubblico».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Fontana: «L'incidenza dei nuovi casi ci porterebbe in zona arancione»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento