I pendolari della Como-Lecco: «Dieci corse su 23, è un non-servizio»

Lettera aperta all'assessore regionale ai Trasporti Claudia Maria Terzi: «Inascoltati i nostri suggerimenti: un'offerta azzoppata non fa altro che costringere i viaggiatori a trovare alternative»

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LeccoToday

Egr. Assessore Terzi,
Egr. Consigliere Presidente Fermi
Egr. Consigliere Sottosegretario Turba
Egr.i Consiglieri Regionali, Presidenti di Provincia, Sindaci, Assessori e Consiglieri Comunali

Egr. Assessore Terzi,

Le avevamo scritto il 29 marzo, suggerendo l'incremento di servizio che a nostro avviso Trenord avrebbe dovuto apportare per consentire l'utilizzabilità della linea Como-Lecco da parte dei viaggiatori a decorrere dalla cosiddetta Fase 2 dell'emergenza Covid; purtroppo non abbiamo ricevuto una sua risposta e sulla Como-Lecco vengono effettuate solamente 10 corse delle 23 abituali e al mattino vi sono solamente una corsa per direzione e un buco di ben sei ore senza alcun treno: praticamente un servizio azzoppato che non può fare altro che costringere i viaggiatori a trovare alternative, in sostanza un non servizio. Come si può pretendere che con una sola corsa al mattino le persone prendano il treno? Resta poi inoltre l'enorme buco di servizio: sei ore senza un treno significa scoraggiare totalmente l'utilizzo del treno e farli circolare vuoti.

Ora, verificando l'orario pubblicato da Trenord, valido da oggi, 3 giugno, ci rammarichiamo del fatto che sulla linea Como-Lecco resterà ancora in vigore l'orario ridottissimo del periodo Covid; questo non permette l'utilizzo dei treni da parte di molti viaggiatori, a causa della ridotta quantità di corse, in particolare al mattino.

Trenord potenzia l'offerta per garantire il 100% dei posti pre-Covid

Alla luce del fatto che, come ben sa anche lei, i treni che circolano sulla Como-Lecco sono treni diesel e quindi non possono essere utilizzati altrove per rinforzare le composizioni e offrire quindi più posti sulle linee più frequentate, vorremmo sapere per quale motivo si è deciso di penalizzare la Como-Lecco - e tutto il territorio attraversato dalla linea - decidendo di non ripristinare il servizio con il numero di corse preCovid.

Scartata la giustificazione del materiale rotabile non disponibile o spostato su altre linee, e considerando che la frequentazione della linea è ad oggi molto bassa proprio a causa della scarsità di servizio, ci sfugge quale possa essere il motivo per penalizzare in questo modo la Brianza lecchese e quella comasca.

Restiamo in attesa di una sua risposta, che crediamo non interessi solamente a noi ma a tutto il territorio della Como-Lecco che a nostro avviso non merita un trattamento come quello attuale: il 43% dei treni e un buco di sei ore al mattino.

Auspicando un cortese riscontro, Le porgiamo distinti saluti.

Per il Comitato Pendolari Como-Lecco, Giovanni Galimberti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccoToday è in caricamento