menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Liliana Segre vaccinata a Milano

Liliana Segre vaccinata a Milano

Liliana Segre testimonial della campagna vaccinale: «Grande opportunità»

«Io credo molto nella vaccinazione», ha detto la senatrice, superstite dei campi di sterminio, che è stata vaccinata al Fatebenefratelli di Milano

«Io credo molto nella vaccinazione e una cosa che ho sempre seguito tutta la vita, fin da quando ero bambina». Così in un video di promozione della campagna vaccinale anti covid di Regione Lombardia la senatrice 90enne Liliana Segre, che giovedì è stata vaccinata all'ospedale Fatebenefratelli di Milano.

«Sono stata vaccinata da bambina, poi di nuovo quando ho viaggiato (...), ho vaccinato i miei figli, sono stati vaccinati i miei nipoti, per me non è nulla di nuovo - ha detto nel filmato la Segre -. Ma mi sembra che questa volta contro un nemico invisibile abbiamo così poche armi... Vaccinarsi vorrà dire essere più facilmente invitati dai nostri figli, dai nostri nipoti e amici, che hanno paura di incontrarci per non passarci questo temibile virus».

«Mi sembra una grande opportunità - ha evidenziato la senatrice - a cui tutti dobbiamo rispondere, grati che si possa fare, perché in certi Stati non è stato possibile fare questo, e andare con fiducia a questo incontro, perché sarà veramente l'unico modo che ognuno di noi ha per combattere questo nemico».

Nel raccomandare a tutti di vaccinarsi e aderire alla campagna della Regione, Liliana Segre, che ha definito 'eroico' il corpo sanitario impegnato nella lotta alla covid, ha così concluso: «Penso che chi si rifiuti di fare il vaccino sia purtroppo pauroso o non abbastanza informato. Quindi da nonna novantenne dico ai miei 'fratelli' e alle mie 'sorelle', che arrivano a questa età, di non avere paura e di fare il vaccino».

Insulti a Liliana Segre dopo il vaccino

Vaccini anti covid a Lecco

Nel territorio di Ats Brianza sono poco più di 80.000 gli over 80 coinvolti nella campagna di vaccinazione anti covid al via da giovedì 18 febbraio (26.000 nella provincia di Lecco e 54.000 in quella di Monza e Brianza). A questi andranno aggiunti altri 8.000 ultra 80enni che, in base ai dati a disposizione di Ats, riceveranno la vaccinazione a domicilio, perché impossibilitati ad uscire in relazione allo stato di salute. Queste persone saranno informate successivamente sulle modalità di effettuazione della vaccinazione.

Come comunicato da Regione Lombardia, dalle ore 13 del 15 febbraio 2021 per i cittadini lombardi che hanno più di 80 anni (comprese le persone nate nel 1941) è possibile manifestare la propria adesione alla vaccinazione anti Covid-19 collegandosi direttamente alla piattaforma dedicata: https://vaccinazionicovid.servizirl.it/ 

Le somministrazioni del vaccino per gli over 80 sono cominciate a partire dal 18 febbraio 2021 nelle sedi vaccinali delle Asst (Ospedale di Lecco, Merate, Desio, Carate, Vimercate e Monza) per poi essere estesa ai punti vaccinali che verranno allestitigradualmente dal 24/2 sul territorio, grazie alla preziosa collaborazione dei Comuni, dei medici di medicina generale, della Protezione Civile e del mondo del terzo settore, in fase di perfezionamento.

«Vaccini agli over 80, i medici di base vengano impiegati nella somministrazione e non in compiti amministrativi»

Richiesta di vaccinazione: come fare

Per la richiesta della vaccinazione è necessario avere a portata di mano:

  • la Tessera Sanitaria del soggetto da vaccinare
  • il Numero di cellulare / Telefono fisso

Possono inserire la richiesta anche i familiari e i caregiver della persona da vaccinare, purché muniti dei dati sopra richiesti.

In alternativa, come già diffuso, è possibile chiedere supporto per l’inserimento dei dati a:

  • la rete delle farmacie
  • il Medico di Medicina Generale 

L’adesione alla campagna vaccinale prevede due fasi distinte:

Adesione alla vaccinazione

In questa prima fase è richiesto al cittadino l’inserimento dei propri dati. Per verificare che il numero di cellulare inserito sia corretto il Sistema invia all’utente un SMS contenente un codice di verifica per la sua validazione.

Nel caso in cui il cittadino sia sprovvisto di un numero di cellulare è possibile inserire un numero di telefono fisso.

Per proseguire con la richiesta è necessario esprimere la volontà di aderire alla campagna vaccinale anti Covid-19.

Al termine della procedura il sistema genera una ricevuta contenente il numero di richiesta adesione e un riepilogo dei dati forniti.

Prenotazione dell'appuntamento

Successivamente alla fase di adesione, il cittadino riceve un SMS (o una telefonata se è stato inserito nella piattaforma un numero fisso), in cui vengono fornite le indicazioni dell’appuntamento. Al momento non è prevista la possibilità di modificare data, ora e luogo della somministrazione. Qualche giorno prima della vaccinazione, un SMS ricorda al cittadino l'appuntamento fissato.

Per ottenere una migliore protezione dal coronavirus occorrono due dosi di vaccino.

L’appuntamento per la seconda dose viene comunicato contestualmente alla somministrazione della prima dose.

Sul sito di Regione Lombardia verranno pubblicate le “Domande più Frequenti” per supportare i cittadini all’adesione al vaccino: https://www.regione.lombardia.it/wps/portal/istituzionale/HP/vaccinazionicovid

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento