Giovedì, 23 Settembre 2021
Attualità Piazza Giuseppe Garibaldi

Sul bus senza biglietto, la rivoluzione smart di Linee Lecco

I vertici di azienda e Amministrazione Comunale hanno parlato di rinnovo del parco autobus, della grande sfida della bigliettazione elettronica, di turismo manzoniano e mobilità sostenibile

Va verso la chiusura un anno non facile per Linee Lecco. L'azienda pubblica, controllata interamente dal Comune di Lecco, ha dovuto fare i conti, come tutti, con la pandemia di Covid-19, che ha avuto i suoi effetti sul bilancio ma non ha impedito di fare dei passi verso il futuro. Un futuro fatto anche di nuove linee di business oltre alle quattro (parcheggi, noleggio, trasporto pubblico locale e officina) su cui si basa il modello attuale. Con la grande sfida della bigliettazione elettronica sullo sfondo.

"Piccola": un milione di euro per il nuovo parcheggio, via i semafori da via Amendola. Lavori in corso all'ospedale di Lecco

Linee Lecco: il futuro

«Linee Lecco sta diventando un braccio operativo interessante per l’Amministrazione comunale - ha spiegato Mauro Gattinoni, sindaco di Lecco -. La gestione dei parcheggi e la progettazione dimostrano che questo strumento sa recepire i messaggi politici e attuarli. L’attività di business può essere espansa e portata oltre le quattro linee attuali. Abbiamo progetti interessanti con i comuni di Ballabio, Abbadia e Mandello per la riorganizzazione logistica Piani Resinelli, da attuare sia nei mesi invernali che in quelli estivi. Già oggi l’azienda si rivolge ai territori confinanti: questa risorsa può essere interessante anche per altri comuni. Il trasporto pubblico non è solo pullman, ma dev’essere integrato seguendo le esigenze di residenti, lavoratori e turisti. Dal punto di vista societario la Giunta dovrà pensare a breve al possibile affidamento in house del trasporto pubblico, come avviene già, per citare due realtà vicine, a Brescia e Bergamo».

linee lecco 9 aprile 20215 mauro gattinoni-2

«Quello che abbiamo fatto negli ultimi anni proseguirà con testa e gambe di altre persone - ha precisato subito l'Amministratore Mauro Frigerio -, la mia carta d’identità e quella del Direttore Salvatre Cappello non permette di fare altrimenti. Determinate cose, comunque, non potranno cambiare: il destino positivo dell’azienda prevede l’inevitabile investimento in tecnologia e risorse umane, altrimenti il futuro non esiste. Siamo andati a visitare l’Atm di Milano: vedere come funziona la manutenzione di un autobus elettrico obbliga a pensare a una figura diversa del manutentore; non devono rimanere arroccati su posizioni che non sono più compatibili con la nostra visione futura. Stiamo lavorando con il Comune di Casargo: è un ente piccolo che ha poche risorse umane, necessita del sostegno di Linee Lecco su determinati argomenti; chiamiamolo uno sportello tramite il quale possiamo dare delle risposte immediate e sicure al piccolo Comune. Pochi anni fa abbiamo inviato decine di mezzi a Dervio per permettere l’evacuazione della cittadinanza, per citare un esempio di servizio fatto al territorio».

linee lecco 9 aprile 20211 mauro frigerio-2

"Griso", bigliettazione elettronica, sicurezza, Tour Manzoniani, noleggio

pullman griso linee lecco-2

La strategia è stata spiegata anche dal Direttore Salvatore Cappello: «Lecco si sta via via trasformando da città industriale a città del terziario. Per questo motivo abbiamo completamente rivisto la nostra flotta di autobus, che sono di ultima generazione, da 20, 45 e 53 posti. È nato anche un turismo di prossimità, che richiede l’uso di servizi navetta: ci siamo dotati di un nuovo mezzo da noleggio, il “Griso”, che definirei da cinque stelle. Tutti gli autobus sono dotati di defibrillatore e 24 dipendenti hanno sostenuto il corso per l’utilizzo del Dae. Abbiamo avanzato già richiesta al Ministero per la somministrazione dei vaccini anti-Covid all’interno dei locali aziendali ai nostri addetti».

linee lecco 9 aprile 20212 salvatore cappello-2

Sarà replicata l'iniziativa dei Tour Manzoniani lanciata nel corso dell'estate 2020: «Stavano avendo successo, ma la pandemia ha reso obbligatoria la sospensione. Abbiamo solo accantonato l’idea, ma siamo pronti a ripartire». Capitolo noleggio: «Abbiamo raggiunto un fatturato importante (722mila euro nel 2019), trasportando i passeggeri anche all’estero. Siamo pronti per la ripresa, anche in questo caso. I mezzi sono dotati di tutti i comfort». Entro fine anno, inoltre, dovrebbe entrare finalmente in servizio la bigliettazione elettronica.

Presentazione_9aprile_LineeLecco_Pagina_16-2

Mobilità sostenibile

Inevitabile il passaggio a una mobilità più green: «Siamo solo alla parte embrionale di un percorso decisamente lungo e complesso - ha spiegato Frigerio -. Siamo determinati a raggiungerlo nei tempi giusti». Le direttive saranno date dal Comune di Lecco: «I progetti di cui abbiamo parlato sono un bell’assaggio della transizione ecologica di cui tanto si parla in questo periodo. C’è, nel cittadino, il desiderio di cambiare mezzo per fare le stesse azioni di oggi. Abbiamo vinto un bando da quasi sei milioni di euro perchè siamo una città ad alto inquinamento: possiamo iniziare la transizione osando di più».

linee lecco 9 aprile 20219 renata zuffi-2

L'utilizzo dei fondi sarà cruciale: «Proviamo a sperimentare una mobilità elettrica, inserendo dei bus elettrici sulle linee più pianeggianti (1 e 2). L’altro nodo è quello legato alla sosta e alla scelta del mezzo con cui proseguire il viaggio (monopattino, bike sharing…); il terzo è quello della strada. Partiremo da progetti piccoli e sperimentali, tutti mezzi per farci accorgere che determinati passi si possono fare».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sul bus senza biglietto, la rivoluzione smart di Linee Lecco

LeccoToday è in caricamento