menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Giuseppe Conte, premier italiano

Giuseppe Conte, premier italiano

L'Italia verso la zona rossa a Natale 2020: come sarà il nuovo lockdown

L'esecutivo corre ai ripari dopo le scene di assembramenti viste nel week end. Per gli esperti del Cts servono "regole più rigide" per evitare una terza ondata che sarebbe altrimenti devastante. L'ipotesi di una nuova serrata simile a quella decisa in Germania da Merkel

Si è concluso il vertice tra il presidente del consiglio Giuseppe Conte, i capi delegazione delle forze di maggioranza, alcuni membri del Cts e vari ministri, convocato per decidere su una possibile nuova stretta in vista delle festività natalizie e studiare soluzioni per evitare gli assembramenti nelle vie dello shopping registrati lo scorso weekend.

L'esecutivo sembra intenzionato a varare una nuova stretta e si parla sempre più insistentemente di un lockdown. Almeno nel periodo clou delle feste di Natale. Un nuovo giro di vite «è inevitabile, su questo siamo tutti d'accordo», avrebbe detto all'Adnkronos uno dei presenti al vertice. Secondo l'agenzia Dire il governo avrebbe accolto senza eccezioni le misure chieste a gran voce dal Cts. Toccherà ora allo stesso Comitato Tecnico Scientifico - che si riunirà alle 17 - formulare proposte concrete per il lockdown di Natale. Le nuove norme potrebbero essere introdotte con un nuovo Dpcm. Sembra tramontata invece l'ipotesi di una modifica all'ultimo decreto in sede di conversione. Dal Cts è arrivato anche l'alt consentire la circolazione tra Comuni in un raggio ampio come quello del territorio provinciale. 

Alla riunione hanno preso parte tra gli altri i ministri Luciana Lamorgese (interni), Francesco Boccia (Affari regionali) e Alfonso Bonafede (Giustizia). Nel corso del confronto sono stati valutati tre scenari: portare l'Italia in zona rossa o arancione per otto giorni dal 24 dicembre al primo gennaio, oppure nei giorni festivi e prefestivi (24-27 dicembre, 31 dicembre - 2 gennaio e dal 5 al 7 gennaio, oppure direttamente dal 24 dicembre al 7 gennaio). 

Gli esperti del Cts hanno parlato di «misure da consolidare» ed eventualmente estendere e rafforzare con una sorta di lockdown per tutto il periodo di Natale. La necessità di una nuova stretta, hanno spiegato i tecnici, è legata da un lato  all'impossibilità di un controllo capillare del territorio e dall'altro ai dati ancora «preoccupanti» del contagio su tutto il territorio nazionale.

Come sarà il nuovo lockdown

"Repubblica" scrive che è «sempre più probabile un lockdown nazionale, sul modello della Germania di Angela Merkel, nei giorni festivi e prefestivi nel periodo che va da Natale all'Epifania». Tutta l'Italia dunque potrebbe diventare zona rossa. Gli scenari sono quelli che vi abbiamo raccontato sopra. E vale a dire tornare al lockdown per un breve periodo di tempo. Sono tre le ipotesi principali: 

  • Dal 24 dicembre al primo gennaio
  • Nei giorni festivi e prefestivi (24-27 dicembre, 31 dicembre - 2 gennaio e dal 5 al 7 gennaio)
  • Dal 24 dicembre al 7 gennaio

Gli esperti del Cts hanno spiegato che servono misure più rigide per evitare che le vacanze di Natale si trasformino nella premessa di una terza ondata a gennaio. Su questo pare ci sia totale accordo con il governo. I tecnici hanno fatto notare che l'incidenza dei nuovi casi è ancora altissima, 193 casi per 100mila abitanti, molto al di sopra della soglia di rischio di 50. Una ripresa dei contagi in questa situazione sarebbe devastante. Ma non è tutto. Sì perché sempre dal Cts è arrivata la contrarietà ad allentare le restrizioni, in particolare gli spostamenti tra comuni. Non è pensabile dare il segnale di un'apertura generalizzata e poi illudersi che sia possibile controllare capillarmente strade e piazze.

Intanto giovedì alle 9 la Conferenza delle Regioni è stata convocata dal presidente Stefano Bonaccini proprio per fare il punto sulle misure relative al contrasto della pandemia da coronavirus. Le successive Conferenze Unificata e Stato-Regioni si riuniranno a partire dalle 15.30 in modalità streaming dal palazzo della Stamperia, sede del dicastero degli Affari regionali guidato dal ministro Francesco Boccia. 

Un lockdown soft per Natale?

Secondo AdnKronos il Cts avrebbe tuttavia fatto notare che mentre in Germania, che ha decretato il lockdown nazionale per tutte le feste di Natale, la curva epidemiologica sale, in Italia abbiamo una curva finalmente discendente, seppur il calo procede lentamente. Ad essere convinti della necessità di un nuovo lockdown, con negozi e ristoranti chiusi e impossibilità di spostarsi, i ministri Dario Franceschini, Francesco Boccia e Roberto Speranza. Da parte sua il Cts avrebbe chiesto sì «misure più rigide» ma non necessariamente una "zona rossa" per l'Italia intera. Altro nodo da sciogliere è quello dei ristori, inevitabili se si procederà con la chiusura delle attività, ma con non pochi problemi dal punto di vista economico. Il governo tornerà ad aggiornarsi nelle prossime ore per decidere. Intanto il braccio di ferro è in atto.

La sottosegretaria alla Salute, Sandra Zampa, ha confermato a Rainews24 che «verranno assunti provvedimenti più stringenti», ma «non so fino a che punto». «Il Cts discuterà alle 17 di nuove misure restrittive: credo che gli scienziati faranno una scelta attenta, ma non posso anticipare altro - ha aggiunto -. Noi, come Italia, non siamo nella stessa posizione della Germania in questo momento, ma certamente siamo in una condizione ancora molto critica, in cui non possiamo non pensare al numero delle persone che muoiono ogni giorno. Dobbiamo fare ancora dei sacrifici». «La curva è in lieve discesa - ha spiegato ancora il sottosegretario - però ci sono numeri ancora molto preoccupanti. La velocità in cui tutto questo si muove è straordinaria. È triste e doloroso, ma rinunciare tutti serve a garantire la salute di ognuno di noi e a vedersi magari a Pasqua e al prossimo Natale tutti insieme».

Zaia: «Nel fine settimana ho visto uno spettacolo immondo»

«Dalle città si è visto uno spettacolo immondo nello scorso fine settimana». È il duro j'accuse lanciato dal presidente del Veneto Luca Zaia che oggi ha stigmatizzato duramente «la situazione, un assembramento che ormai è continuo. Io l'ho detto già in passato, moltissime volte: regioni con aree e fasce diverse dalla nostra come ad esempio il Friuli Venezia Giulia che è stato due settimane in area arancione, hanno ripreso la crescita dei contagi». E tra le regioni italiane, il Veneto è quella che sta facendo peggio dal punto di vista dell'aumento dei nuovi casi. Da qui la preoccupazione del governatore: «La partita degli assembramenti è la vera partita: ed è uno spettacolo immondo quello che è accaduto nel fine settimana nelle città del Veneto, in tutti i capoluoghi di provincia: sono stati letteralmente presi d'assalto". Per Zaia non c'è dubbio: "Capite, che è difficile vincere una battaglia senza la collaborazione dei cittadini».

Coronavirus, nuove misure a Natale. De Micheli: «Dal Pd una richiesta di realismo»

A chiedere una nuova stretta era stato soprattutto il Partito Democratico che oggi torna sull'argomento. «Dobbiamo farci carico di grande responsabilità per evitare che ci sia la percezione che oggi è consentito quello che non era consentito prima», ha spiegato oggi la minisra il ministra delle Infrastrutture e dei Trasporti, Paola De Micheli, tornando sull'argomento. «Noi come Pd abbiamo fatto una riunione e ci siamo ritrovati su una richiesta di maggiori restrizioni nel periodo natalizio per affrontare a gennaio la fase della vaccinazione e la riapertura delle scuole in una condizione sanitaria che si stabilizzi verso il basso. È una richiesta di grande responsabilità e realismo».

«La discussione è in corso - ha fatto sapere ancora la ministra -, oggi ci sarà un incontro con il comitato tecnico scientifico per approcciare alcune valutazioni approfondite sui rischi della terza ondata. La seconda ondata è arrivata quando le nostre relazioni si vivevano soprattutto all'aperto, immaginate il rischio che corriamo durante l'inverno quando queste relazioni si sviluppano al chiuso».

«C'e' una discussione in corso» aveva fatto sapere in mattinata il vice ministro dell'Istruzione, Anna Ascani. «Ovviamente quello che noi vogliamo è proteggere i nostri cittadini: in questi giorni abbiamo visto tanti assembramenti, ma noi dobbiamo in ogni modo arrivare alla fase del vaccino riducendo il piu' possibile i contagi e il governo in queste ore sta immaginando delle soluzioni che vanno in questa direzione». 

Pregliasco: «Se non c'è responsabilità bisogna dare delle regole»

«Disporre nuove restrizioni anti-Covid a questo punto sarà necessario» ha ammonito in mattinata il virologo dell'università Statale di Milano Fabrizio Pregliasco, che ha definito «preoccupante» la folla che in molte città si è riversata per strada e nei negozi. «Non va bene -, ha affermato il medico all'Adnkronos Salute -. È davvero fondamentale arrivare a dover stringere un po', se no fra 15 giorni ci ritroviamo con effetti pesanti». Quello che si è visto a Milano nel primo giorno di zona gialla «è stato un eccesso» ha detto Pregliasco. «È vero che nessuno ha fatto niente di illegale», considerando che la riapertura c'è stata, «ma così, tutti insieme appassionatamente» affollati, «non va bene. E se non c'è la responsabilità di ognuno finisce che bisogna arrivare a dare delle regole».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il futuro dell'ex "Larius"? Guarda a Oriente: a Lecco apre Nima

Attualità

Lecco: lunedì 10 aprono le prenotazioni dei vaccini per la fascia 50-59 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento