menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Lombardia verso l'esame dell'Iss: venerdì si decide sul cambio di colore. Regione tranquilla

Come di consueto, quella di venerdì è la giornata decisiva per decidere il passaggio di un territorio da un colore all'altro

Sarà un venerdì relativamente tranquillo per Lecco e la Lombardia. Per domani, venerdì 30 aprile, è atteso il classico monitoraggio dell'istituto superiore di sanità sull'andamento dell'epidemia di covid 19 nelle regioni italiane, i cui dati guideranno poi il ministero della salute nella scelte dei colori e delle relative fasce di rischio. 

La Lombardia - che da lunedì scorso è in zona gialla, con divieti e restrizioni più leggeri - arriva bene all'appuntamento ed è praticamente certa di restare colorata di gialla, senza nessun rischio di sfumature arancioni. 

Le riaperture - su tutte quelle dei locali, che possono tornare a servire pranzi, cene e aperitivi all'aperto - sono ancora troppo vicine nel tempo per poter avere un effetto sui contagi e anche il ritorno dei ragazzi a scuola, per ora, non sembra aver causato un'impennata nei numeri lombardi. E in effetti, i bollettini quotidiani diffusi da regione Lombardia e protezione civile confermano che il rapporto tra casi testati e nuovi positivi è in discesa, come come in discesa sono i tassi di occupazione degli ospedali e, finalmente, i numeri sui decessi. La regione ha poi cominciato a correre seriamente nella campagna vaccinale e la soglia di allarme di 250 casi su 100mila abitanti è ben lontana dall'essere raggiunta. 

Milano e le altre città lombarde, insomma, arriveranno a venerdì in piena forma e per la regione sarà confermata la zona gialla. Il che, comunque, non vuol dire "liberi tutti". Sul tema nei giorni scorsi si è espresso anche il governatore Attilio Fontana, che ha invitato i lombrdi al rispetto delle regole. 

«Dobbiamo chiedere ai nostri cittadini di fare un ulteriore sforzo anche in questi giorni», aveva spiegato il presidente. «Bisogna rispettare le regole perché è l'unico sistema che ci consente di evitare nuovi problemi. Dobbiamo essere rispettosi per non ricadere in nuove restrizioni. La nostra gente - aveva concluso il numero uno del Pirellone - ha bisogno di sentirsi non oppressa e perché ciò avvenga bisogna regolamentarsi». 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Priscilla cerca casa: «È dolcissima»

Attualità

Il futuro dell'ex "Larius"? Guarda a Oriente: a Lecco apre Nima

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento