Attualità Alto e Basso Lago / Viale Medaglie Olimpiche Mandellesi

Mandello, sanzioni per chi circola in costume nella zona a lago

Ordinanza del sindaco per il decoro urbano e la sicurezza. Vietato anche giocare col pallone, abbandonare rifiuti e sostare nelle aree verdi. Aperta (con polemiche) la nuova spiaggetta regolamentata ai Giardini

A Mandello i riflettori sono tutti sulla zona a lago e sui Giardini, dove negli ultimi giorni è stata riaperta la spiaggetta dell'ex Darsena Falck, ora regolamentata con sdraio e lettini e un gestore. Fa discutere la scelta dell'Amministrazione di togliere i sassi e, come hanno scritto in molti sui social network, sostituirli con "una colata di cemento". Il dibattito impazza.

Nel frattempo il sindaco Riccardo Fasoli ha emanato un'ordinanza che regolamenta la fruizione di tutte le aree a lago, dopo i recenti episodi di violenza e vandalismo che hanno portato anche alla convocazione di un Consiglio comunale straordinario per chiedere l'intervento degli enti superiori.

I problemi sono sempre gli stessi: l'elevato numero di fruitori delle zone a lago, anche erbose, che non osservano le basilari regole del pubblico decoro; la presenza di cani senza guinzaglio; il cumulo di rifiuti abbandonati, comprese moltissime bottiglie di alcolici. Il tutto con un numero esiguo di agenti di Polizia locale in servizio.

Per questo motivo il sindaco ha emesso l'ordinanza, valida ai Giardini, nelle zone a lago adiacenti P.zza XXV Aprile, Via Confalonieri, Via Riva della Glorietta, Via Riva D'Adda, Via Riva del Lago, pontile galleggiante di via Confalonieri; lido comunale; aree pedonali e zone a traffico limitato a lago; Moregallo.

Tutti i divieti previsti

Fra i divieti introdotti, è vietato "installare tende, predisporre bivacchi o qualsiasi altra struttura o strumento atto a consentire il pernottamento o comunque il ricovero di persone. Solo nelle spiagge, nelle aree
appositamente dedicate e nel Lido comunale è consentito utilizzare asciugamani e ombrelloni o tendine parasole".

È vietato inoltre accendere fuochi, braci, barbecue, falò o qualsivoglia fuoco sulle rive del lago e in vicinanza di edifici, fatti salvi i divieti generali di accensione già vigenti per la tutela del territorio in ogni altro luogo.
Il provvedimento cerca anche di contrastare i maleducati che ascoltano musica a tutto volume: "È vietato utilizzare qualsiasi dispositivo di riproduzione sonora o suonare strumenti musicali che possa essere udito da una persona a una distanza di più di 10 metri dalla fonte".

È, naturalmente, vietato abbandonare rifiuti di qualsiasi genere al suolo ed espletare i propri bisogni corporali sul litorale e in aree pubbliche. I cani vanno tenuti al guinzaglio con una lunghezza massima di 1,5 metri.

Per quanto riguarda il decoro, "vietato circolare con solo costume da bagno (da intendersi per le femmine sia costume intero - un solo pezzo - che due pezzi o in mutande e reggiseno; per i maschi, con le sole mutandine/pantaloncini) in tutte le strade e piazze pubbliche diverse da quelle litoranee (eccetto quindi le aree adiacenti il lago utilizzate dai bagnanti e tutta l'area del Lido comunale)".

Altri divieti: utilizzare pontili, moli e attracchi, anche temporanei, con asciugamani, sdraio o altro di simile o funzionale, così come è vietato utilizzare gli stessi come area per bagni di sole; è altresì vietato fare bagni e tuffarsi all'imbocco dei porti. 

"La parte destinata ad 'area picnic', compresa tra il torrente Meria e Viale Marinai D'Italia, è concessa in uso gratuito a chiunque, esclusivamente per effettuare picnic (consumazione di alimenti e bevande senza limitazione di sorta in ordine al tipo di contenitori per i cibi e/o le bevande, ma con l'obbligo di conferire i rifiuti negli appositi contenitori); occupare queste aree per scopi diversi è vietato" si legge nell'ordinanza.

Vietato inoltre portare cibi o bevande in contenitori di vetro o lattine, che possono essere vendute dagli esercizi pubblici di Giardini e Lido ma solo per il consumo al banco o ai tavolini. 'Off limits', infine, tutte le aree verdi, nelle quali non si potrà sostare, e svolgere giochi con palle o frisbee nelle zone litoranee in cui sono presenti bagnanti.

Le sanzioni variano da un minimo di 25 euro a un massimo di 150 euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mandello, sanzioni per chi circola in costume nella zona a lago
LeccoToday è in caricamento