menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Spiragli per il Melloblocco: nel 2019 potrebbe tornare a incantare la Valtellina

Il Consiglio di amministrazione consortile disponibile a organizzare il celebre raduno di bouldering. Possibili date: 2, 3, 4 e 5 maggio

Il Melloblocco potrebbe tornare in Valtellina. Importante decisione presa alcuni giorni fa, e comunicata al Comune di Val Masino e all'Associazione Operatori del paese, dal Consiglio di amministrazione consortile. Nella missiva, inviata dal vicepresidente Alan De Rossi anche al titolare del marchio Michele Comi, previste anche le possibili date della manifestazione: 2, 3, 4 e 5 maggio 2019. Con il possibile ritorno dunque in Valtellina del celebre raduno bouldering.

«Alla base di questa decisione - spiegano dal Consorio Turistico Valtellina di Morbegno - la valutazione del Melloblocco come evento di fondamentale importanza per tutto il mandamento morbegnese, che richiede una complessa macchina organizzativa e conoscenze specifiche, che il Consorzio è in grado di fornire nell'interesse comune dello sviluppo turistico del territorio. Un'occasione che non può essere più lasciata sfuggire».

Restrizioni e incertezze: annullato il motoraduno dello Stelvio

Dal 2004 il Melloblocco trasforma l'incantevole paesaggio della Val Masino e della Val di Mello in un luogo di aggregazione senza precedenti, grazie all'unione con la natura della Lombardia, regione a grande vocazione alpina, a una organizzazione snella e alla formula non agonistica che offre a tutti la possibilità di arrampicare vicino ai campioni mondiali della disciplina. Arrampicata, musica, natura, stimolo alla conoscenza dei luoghi e divertimento in Valtellina per il più grande raduno internazionale di bouldering al mondo.

L'impegno assunto prevederebbe da parte del Consorzio l'organizzazione prima possibile delle necessarie riunioni operative con i principali stakeholder, confidando nella collaborazione dell'amministrazione comunale e degli operatori locali.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La nuova truffa corre su WhatsApp: casi anche nel Lecchese

social

"Lol chi ride è fuori": il programma è già diventato un tormentone

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento