La linea ferroviaria Como-Molteno-Lecco in un plastico in miniatura lungo 32 metri

Spettacolare attrazione a cura del Club Treni Brianza ha catturato l'attenzione di 12mila spettatori al Salone dell'Elettronica & Fai da Te di Erba

Può un plastico ferroviario contribuire allo sviluppo turistico del territorio lariano? La risposta è sì, e viene dalla riproduzione in perfetta scala 1:87 della ferrovia Como-Molteno-Lecco a opera del Club Treni Brianza, una giovane associazione di fermodellisti con sede ad Asso (Co). Con i suoi 32 metri di sviluppo, il plastico allestito presso l'area Modellismo all'interno del Salone dell'Elettronica & Fai da Te ha catturato l'attenzione e l'interesse di oltre 12mila visitatori lo scorso fine settimana a Erba-Lariofiere.

Si tratta di una riproduzione fedele nei minimi dettagli di alcuni tratti della ferrovia che, tra ponti, gallerie, boschi, stazioni, da oltre cent'anni collega i due capoluoghi di provincia sul Lario. La scelta del Club Treni Brianza di riprodurre fedelmente questa linea è dettata dalla sua storia travagliata che già dai lontani anni Sessanta ne voleva la chiusura poiché considerata da Ferrovie dello Stato un ramo secco. Oggi, settanta anni dopo, la linea brianzola è ancora funzionante ma poco conosciuta anche dagli stessi abitanti della zona e poco sfruttata, ma con un potenziale turistico altissimo che deve essere valorizzato.

Le attrazioni presenti a Erba

Tra le curiosità del Salone dell'elettronica, la presenza del maestro di modellismo ferroviario Faustino Faustini, che ha presentato la sua ultima creatura, la locomotiva Diesel D.145 delle Ferrovie dello Stato; ma anche il plastico delle ferrovie tedesche di Roberto Valsecchi di Erba, ambientato all'epoca della Seconda guerra mondiale; e poi il plastico Märklin di Luca Ghezzi di Giussano, realizzato interamente con materiale degli anni Sessanta.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Leonardo da Vinci, Pietro Vassena e il mito dell’inventore

Sempre nel ferroviario la presenza di Giuseppe Abbiati, di AbbiatiWarGames di Erba, oltre al numeroso materiale esposto, ha permesso al visitatore di immergersi in laboratori modellistici per apprendere le tecniche e i segreti per la realizzazione di plastici ferroviari. Apprezzata la presenza di associazioni e club come Ipms di Legnano (Mi) con esposizione di modelli di navi, carri armati, aeroplani ed elicotteri, e del  gruppo modellistico Amis di Milano con splendide miniature e busti ha dato prova di come il modellismo diventi arte. Preziosa l'attiva presenza del Wargames Club di Lecco che ha permesso a grandi e piccini di giocare ai pirati. Per il settore navale navigante, a Erba la riproduzione del sottomarino C3 del grande inventore malgratese Pietro Vassena.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un lockdown "morbido" tra dieci giorni e l'ipotesi coprifuoco alle 21 in tutta Italia

  • Oggiono: incidente in via per Molteno, giovane finisce in ospedale in gravi condizioni

  • Nuovo Dpcm: stop anticipato a ristoranti-bar, no al divieto di circolazione

  • Ferrovie, sulla Milano-Lecco debutta il treno Caravaggio: «Investimento triennale da un miliardo e mezzo»

  • Coronavirus, il punto: oltre cento tamponi positivi, nel Lecchese superata quota quattromila. "Manzoni": tre posti liberi nei reparti

  • Ordinanza regionale sotto accusa, Gattinoni: «Ci era stata consegnata una bozza diversa per la Dad»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccoToday è in caricamento