Venerdì, 24 Settembre 2021
Attualità Calolziocorte

Nuovo incarico per monsignor Angelo Riva. Lascerà le parrocchie di Carenno, Lorentino e Sopracornola

Sarà parroco a Palazzago, ma guiderà come vicario la nuova Comunità ecclesiastica territoriale che comprende la Valle San Martino. «Non vi nascondo la fatica e la sofferenza di dover salutare le nostre care e amate comunità»

Monsignor Angelo Riva lascerà le parrocchie di Carenno, Lorentino e Sopracornola che guida ormai da diversi anni. Il vescovo Francesco Beschi ha infatti deciso per lui un nuovo incarico a Palazzago come parroco. Nel giro di tre anni Calolziocorte "perde" dunque un altro sacerdote molto conosciuto e stimato dopo don Roberto Trussardi (passato dal Pascolo e Vercurago alla guida della Caritas di Bergamo) e don Matteo Bartoli (dall'oratorio di Calolzio all'incarico a Bergamo Alta). Monsignor Riva - arrivato a Calolzio dal 2008 - terrà comunque un legame significativo con la Valle San Martino, come ha confermato anche lui stesso ai fedeli in questi giorni salutandoli in chiesa e per le vie del paese. 

«Mi affido alla vostra preghiera, alla vostra amicizia e alla vostra vicinanza»

«Carissimi - ha annunciato monsignor Riva - i giorni delle feste patronali dei nostri santi Brigida e Biagio sono coincisi per me con la chiamata del Vescovo che mi ha chiesto di diventare parroco della parrocchia di Palazzago e della frazione di Burligo. Il trasferimento, per certi aspetti in zona, è legato anche al fatto che io devo continuare a ricoprire il mio ruolo di vicario territoriale all'interno delle 38 parrocchie della nuova Comunità Ecclesiale Territoriale: la zona di Ponte San Pietro e la zona della valle San Martino».

L'approdo nella Bergamasca non sarà immediato, ma si realizzerà nel giro di sette, otto mesi. «Il mio trasferimento a Palazzago avverrà dopo l'estate. Nel frattempo continuo il mio cammino con voi. Non vi nascondo la fatica e la sofferenza di dover lasciare queste nostre care e amate comunità. Da sempre - continua Angelo Riva - noi preti abbiamo la consapevolezza che a un certo punto si deve lasciare e si deve partire, ma quando poi ti tocca, la fatica e la sofferenza ti prendono. Mi affido alla vostra preghiera, alla vostra amicizia e alla vostra vicinanza: quella preghiera, quella amicizia e quella vicinanza che non mi avete mai fatto mancare e che di certo continuerà a sostenermi anche quando me ne andrò da voi. Nel frattempo vi chiedo di pregare fin da ora anche per il nuovo parroco che il vescovo vorrà mandarvi. Di cuore vi ringrazio, vi abbraccio e vi benedico uno ad uno».

La7 a Carenno per raccontare l'appello e la sofferenza di monsignor Angelo Riva

Il sacerdote è reduce da un'annata molto difficile: il covid ha colpito duro a Carenno e monsignor Angelo Riva ha perso il papà Mario e il vicario don Adriano Locatelli. Ma nonostante le difficoltà è sempre stato un punto di riferimento per le proprie comunità. Lo scorso mese di maggio monsignor Riva era salito anche agli onori delle cronache nazionale per aver chiesto ai fedeli di aspettare ancora un po' di tempo, almeno l'inizio dell'estate, per tornare alla messa in presenza: «Serve prudenza, prima viene la salute - aveva detto a La7, richiamando le parole di Papa Francesco - seguite ancora per qualche settimana le celebrazioni via Facebook, appena saremo più sicuri ci rivedremo insieme in chiesa».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuovo incarico per monsignor Angelo Riva. Lascerà le parrocchie di Carenno, Lorentino e Sopracornola

LeccoToday è in caricamento