rotate-mobile
Attualità Centro storico

La morte di Manzoni 150 anni dopo, “il silenzio di Lecco è incredibile”

Alessandra Rota e Filippo Boscagli di Fratelli d'Italia attaccano l'amministrazione: “Eventi per sei mesi, ma questo era l'unico e vero giorno da ricordarsi”

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LeccoToday

Incredibile il silenzio di Lecco nel giorno del 150esimo anniversario della morte del più grande “lecchese” della nostra storia. 
Tutta Italia, dalla carta stampata ai servizi dei TG, dalle associazioni culturali alle istituzioni, ha celebrato l’Alessandro Nazionale e il Manzoni Milanese. Persino Mattarella si è recato sulla sua tomba, a Milano.

Com’è stato possibile che con ben 6 mesi di festeggiamenti, che giustamente l’amministrazione sta organizzando, si sia completamente scordata dell’unico vero giorno in cui ricordarsi di Alessandro Manzoni lecchese?

A parte la toponomastica di vie, ponti, ospedali, scuole il “nostro” è nel dna lecchese, e possiamo dire “impresso nella sua mente, non meno che lo sia l’aspetto de’ suoi più familiari”… 
È inimmaginabile un così colossale, clamoroso, paradossale errore di non celebrare nei 150 anni dalla morte di Manzoni il giorno dei 150 anni della morte di Manzoni.

Peraltro la scusa che la data esatta, il 22 maggio, sia drammaticamente caduta di lunedì fa sorridere di fronte ai 4.000 (quattromila) del Rigamonti Ceppi che celebravano l’eroico passaggio dei playoff verso la B del Lecco contro l’Ancona, ed era lunedì anche per il calcio di Serie C. 

Perché, essendo in settimana, non portare le scuole di fronte alla culla lecchese in cui è cresciuto il bambino Alessandro? Oppure nei rioni, vie e chiese in cui ha passato i suoi primi anni e da cui ebbe origine?

Che approssimazione. 

Vero è che questa amministrazione ha un oggettivo problema con le date, come celebrare il 60esimo anniversario della conquista del McKinley ad un passo dall’anno del 61esimo anniversario, ma questa è davvero troppo pesante trattandosi di un uomo a cui Lecco deve tantissimo della propria storia, della propria identità presente e del proprio futuro.

Alessandra Rota
Commissione Cultura

Filippo Boscagli
Capogruppo in Consiglio comunale

A nome del Gruppo Fratelli d’Italia

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La morte di Manzoni 150 anni dopo, “il silenzio di Lecco è incredibile”

LeccoToday è in caricamento