rotate-mobile
Lunedì, 20 Maggio 2024
Attualità Abbadia Lariana / Largo San Bartolomeo

Esposta in chiesa una moto originale progettata dal genio Pietro Vassena

Alessandro Longoni arricchisce il suo edificio religioso sconsacrato ad Abbadia con un pezzo unico: "L'ho acquistata da un collezionista del Sud Italia. Ho sempre apprezzato l'inventore malgratese"

Una moto originale progettata da Pietro Vassena è già un cimelio da guardare con ammirazione. Se spunta all'interno di una chiesa sconsacrata acquisisce un fascino ancora maggiore.

È quanto accaduto a San Bartolomeo ad Abbadia Lariana, edificio religioso che qualche anno fa è stato venduto dalla Curia a un privato cittadino, Alessandro Longoni. Il brianzolo di origine, ormai stabilitosi in paese, è un appassionato di motociclette e ha pensato bene di arricchire la sua chiesa con una Rumi ideata dal grande inventore malgratese Pietro Vassena. Non è l'unica: all'interno della chiesetta che sorge lungo il Sentiero del Viandante è possibile ammirare anche una Moto Guzzi uguale a quella con cui Giuseppe Guzzi raggiunse Capo Nord nel 1928 e un Falcone 500 del 1960 utilizzato nel mitico film Il vigile.

Negli anni Longoni ha trasformato la chiesa in un luogo alquanto originale, dove possono essere ammirati quadri e statue a sfondo religioso, oggetti di sicuro interesse, moto d'epoca così come statue in legno tra cui una raffigurante il grande Alberto Sordi.

La Rumi di Vassena esposta in chiesa (2)

"Trovarla? Un colpo di fortuna"

È lui stesso a raccontare perché ha scelto di installare anche una Rumi. "L'ho acquistata da un collezionista del Sud Italia. Sono ricercate, perché piuttosto rare. Trovarla ha rappresentato un colpo di fortuna: era un modello di serie ma venne usato da diversi gentleman anche per partecipare (e vincere) corse come la Milano-Taranto, all'epoca molto in voga".

Non è un caso che la Rumi esposta nella chiesa porti la firma di Pietro Vassena. "L'ho voluta perché quando ero bambino avevo un go-kart in giardino ed era equipaggiato proprio con il celebre motore bicilindrico a due tempi progettato dall'inventore malgratese" confida il collezionista.

La chiesetta di San Bartolomeo si sta trasformando piano piano in un luogo da sogno, lo stesso sogno disegnato nella mente di Alessandro Longoni. "Quando, a breve, arriverà anche la macchina volante di Leonardo da Vinci, sarà davvero uno spettacolo".

La chiesa di San Bartolomeo

L'edificio sacro sorge in località Castello. Il nome originale è "Castello dell'Abate": un luogo antichissimo che riporta tracce documentate della presenza dei romani. La chiesa fu eretta intorno all'anno 800, secondo la tradizione da Desiderio re dei Longobardi. Oltre al monastero di Abbadia, San Bartolomeo è l'edificio religioso più antico del paese. La sua sconsacrazione avviene nel 1970 su richiesta dell'allora parroco. Numerose sono le leggende legate alla sua presenza che si sono sviluppate nei decenni (fantasmi, cunicoli sotterranei), così come è ricca la sua storia: durante la Peste del Cinquecento, ad esempio, ospitò i malati e le ossa de defunti del territorio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Esposta in chiesa una moto originale progettata dal genio Pietro Vassena

LeccoToday è in caricamento