Bilancio più che positivo per “Oto Residency”, la residenza d’artista digitale di Oto Lab

Da lunedì 11 maggio fino a domenica 5 luglio fotografi, artisti e creativi sono stati protagonisti sulle pagine Facebook e Instagram dello spazio eventi di Lecco

Una veduta interna di Oto Lab, in via Padre Mazzucconi a Lecco

Si è concluso domenica il progetto Oto Residency, che per 8 settimane ha trasformato i canali social di Oto Lab in una residenza d'artista virtuale, coinvolgendo 8 fra fotografi, artisti e creativi che avevano già collaborato con lo spazio eventi di via Mazzucconi nei suoi primi 2 anni di attività.

Oto Residency, progetto nato durante le difficili settimane del lockdown, ha reso possibile un racconto nuovo dell'attività dello spazio, partendo dai tanti spunti offerti dai lavori passati e sperimentando un nuovo format interamente digitale, che ha sfruttato a pieno le potenzialità dei social utilizzati in precedenza solo per la promozione degli eventi e per la comunicazione.

Oto Residency 2-3

Il bilancio finale di Oto Residency parte innanzitutto dai numeri: in 8 settimane, sulle due piattaforme utilizzate per il progetto, Facebook e Instagram, sono stati condivisi 187 contenuti tra foto e video suddivisi in 24 post, oltre 400 stories, sono state fatte 3 dirette su Instagram e caricati 15 video su IGTV, è stato allestito 1 appartamento fisico aperto per 4 giorni al pubblico e intorno al quale si sono sviluppate altre collaborazioni. 

post instagram oto residency1-2

«Siamo molto soddisfatti del riscontro positivo di tutto il progetto, reso possibile innanzitutto dalla disponibilità degli otto talenti che l'hanno animato - sottolinea l'architetto Giovanni Rusconi, responsabile del progetto Oto Lab -. Sicuramente Oto Residency ci ha confermato quanto il connubio fra Oto Lab e creatività sia interessante e apra sempre nuove prospettive, digitali ma non solo. Pensando al futuro, una delle cose che ci piacerebbe poter realizzare è una versione “dal vivo” di Oto Residency, che parta proprio da lavoro fatto in queste settimane».

Sui profili social di Oto Lab è possibile rivedere tutti i post del progetto, che ha avuto come protagonisti, in rigoroso ordine di "residenza": Beatrice Mazzucchi, Nicolò Tomaini, Pietro Sala, Giuseppe Villa, Federico Wilhelm, Anna Rimoldi, Tobia Scandolara e Marina Gallandra.

post instagram oto residency2-2

Un ringraziamento speciale va anche a chi ha collaborato con Giuseppe Villa all'interno dell'AppartamentOfficina: Federica Spreafico (Ciqui) e Stefano Fumagalli, Prashanth Cattaneo, Bar Vitali di Acquate, Oltrelago ceramiche e Ommel Torneria.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'appartamento allestito al primo piano di Oto Lab resta a disposizione di creativi, artigiani e privati come set per realizzare foto e video o come spazio espositivo su appuntamento. Per informazioni è possibile scrivere a info@otolab.eu.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Segnalati numerosi casi di "dermatite del bagnante" dopo tuffi al lago: ecco cos'è

  • Lutto in valle San Martino per la scomparsa a 54 anni del dentista Roberto Carrara

  • In visita a Varenna, Vittorio Sgarbi conquistato da Villa Monastero

  • Ubriaco, si lancia nel lago con la jeep: 36enne salvo per miracolo

  • Viveva legato sul balcone: cagnolino tratto in salvo dalle guardie ecozoofile

  • Lutto nell'alpinismo: addio a Matteo Pasquetto, grande amico dei Ragni Lecco

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccoToday è in caricamento