Vaccini antinfluenzali, Piazza: «Fallimento? Bisogna confrontare la Lombardia con le altre regioni»

Il consigliere regionale (FI): «Ritardi sì, ma le problematiche si sono riscontrate ovunque. In queste settimane Regione garantirà la vaccinazione a un quarto della popolazione»

Il consigliere regionale di Forza Italia Mauro Piazza

«Un conto è ammettere che vi sono stati dei ritardi, un altro è accusare Regione Lombardia di aver fallito su tutta la linea; quando si parla di salute pubblica si deve essere obiettivi e non si può non fare un'analisi comparata anche con le altre regioni italiane» dichiara il consigliere regionale di Forza Italia Mauro Piazza.

«Regione Lombardia ha acquistato più di 2,5 milioni di vaccini antinfluenzali, di questi più di 1,4 milioni sono stati distribuiti ai medici di Medicina generale e ai pediatri, mentre più di 630mila sono stati forniti alle Asst lombarde organizzando una filiera della distribuzione più puntuale possibile; le restanti dosi verranno trasferite entro i prossimi quindici giorni lavorativi ai soggetti erogatori delle vaccinazioni in una tempistica che è comunque congrua secondo ogni evidenza scientifica» continua il consigliere regionale.

Rossi, Formenti e Piazza esultano: «L’ostello di Lecco è pronto grazie ad Aler»

«Al 26 novembre sono 750mila i lombardi ai quali è stato somministrato il vaccino; i ritardi nella somministrazione sono dovuti a problemi di consegna da parte delle ditte fornitrici: un inconveniente che si sta verificando in Piemonte, Lazio, Emilia Romagna e Campania, cosa che indica la complessità di questo tipo di approvvigionamento e che sarebbe superficiale additarle come completo fallimento di ognuna di queste amministrazioni regionali» spiega Piazza.

«In particolare - puntualizza il consigliere lecchese - in Piemonte mancano alla consegna 400mila dosi di vaccino; in Lazio i medici di base sono costretti a rimandare a casa i pazienti perché mancano 500mila vaccini da consegnare; in Campania mancano 1,6 milioni di dosi e i farmacisti denunciano che le scorte disponibili sono finite, mentre nella provincia di Reggio Emilia le vaccinazioni sono state completamente sospese».

«Vaccini lombardi di qualità»

«Un quadro che fa ben capire come la problematica sia diffusa su tutto il territorio nazionale, anche in regioni che hanno un numero di abitanti pari alla metà di quello della Lombardia; Regione in queste settimane permetterà di vaccinarsi a un quarto della propria popolazione con una campagna di vaccinazione mai vista prima - prosegue Piazza - Infine, ricordo che tutti i vaccini acquistati, in distribuzione ora e nelle prossime settimane, hanno ottenuto le autorizzazioni da parte di Aifa: in particolare due vaccini Fluzone Hd e Fluad Tetravalente per gli over 65 rappresentano caratteristiche di qualità particolarmente elevate. La Lombardia, infatti, è l'unica regione italiana ad avere il vaccino adiuvato quadrivalente: un'ulteriore prova di come l'ente regionale abbia dato la massima attenzione alla protezione dei soggetti a rischio, in questo periodo di emergenza sanitaria con buona pace di cerca di gettare fango sull’istituzione regionale» conclude Piazza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Castello, dopo mezzo secolo chiude lo storico negozio di alimentari di Rino e Grazia

  • Doppia tragedia sui monti che circondano il Lecchese: morti due uomini a Brumano e sul San Primo

  • Rintracciati i due minori che si erano allontanati dalle proprie case di Verderio e Paderno

  • La Lombardia torna in zona rossa, cosa si può fare e cosa no

  • Calolzio: scoperta società legata alla malavita, il Prefetto De Rosa la chiude

  • Cadavere nell'Adda: si tratterebbe della donna scomparsa due giorni fa

Torna su
LeccoToday è in caricamento