Politecnico di Lecco, a tre studentesse le prestigiose borse di studio

Dal Polo lecchese informano che, appena sarà possibile, i laureati e le loro famiglie avranno modo di festeggiare in un "graduation day". Assegnati i premi dedicati a Matteo Pensotti, Vittorio Proserpio e Samuele Riva

La cerimonia di conferimento dei diplomi di laurea magistrale tradizionalmente svolta presso il campus di via Previati, è un momento di festa per tutta la comunità del Polo di Lecco. Prima di tutto dedicato ai laureati, è anche però un'occasione per dare evidenza a eventi importanti che danno lustro alla carriera di studenti meritevoli, vincitori di borse di studio e premi significativi. L'attuale emergenza Covid-19 ha imposto limitazioni tali per cui non è stato possibile organizzare una cerimonia di laurea in presenza e con essa non è stato possibile premiare gli studenti meritevoli che negli ultimi mesi hanno ottenuto importanti riconoscimenti.

Dal Politecnico informano che, appena possibile, non mancherà un Graduation Day che permetterà ai laureati e alle loro famiglie di festeggiare il traguardo raggiunto e che consentirà di dare il giusto spazio alle studentesse che nel frattempo si sono aggiudicate tre borse di studio molto care al Polo di Lecco: le borse di studio "Matteo Pensotti", "Vittorio Proserpio" e"Samuele Riva".

Borsa di studio "Matteo Pensotti"

Gianmaria Beer, per due anni consecutivi vincitore della borsa di studio "Matteo Pensotti", passa il testimone a Silvia Taddei, studentessa al secondo anno di Ingegneria Edile-Architettura. Il concorso, bandito dall'Associazione Memorial Pensotti in memoria di Matteo, studente Eda prematuramente scomparso, era destinato a studenti regolarmente iscritti al corso di laurea in Ingegneria Edile-Architettura, con una media uguale o superiore a 27/30 e che avessero maturato un numero minimo di Cfu (Crediti formativi universitari) entro un determinato periodo. «Come ho avuto modo di condividere anche con l'Associazione e con il suo presidente Ermanno Pensotti - dichiara Silvia - è per me un onore essere stata scelta quale destinataria di questo premio, per i valori morali di sostegno e altruismo che esso sottende, e per il ricordo del caro Matteo che esso rappresenta. Spero vivamente che i fondi, raccolti annualmente grazie all'impegno e alla dedizione profusi dall'Associazione, possano fornire un contributo decisivo in favore della ricerca sul sarcoma di Ewing per poter aiutare chiunque ne soffra. Da parte mia, onorerò la memoria di Matteo proseguendo il mio percorso di studi con costante e rinnovato impegno».

Premio Pensotti: doppietta di Gianmaria Beer, ancora a lui la borsa di studio

La borsa di studio è solo una delle iniziative promosse dall'Associazione Memorial Pensotti che, con l'aiuto di soci, volontari e amici organizza tornei, cene sociali, eventi culturali e musicali con l’obiettivo di ricordare Matteo e di raccogliere fondi per la Ricerca. «Siamo lieti che la borsa di studio sia di sostegno a una meritevole studentessa e siamo onorati di poterla avere tra le fila dei ragazzi/e che hanno vinto nel corso degli anni questo premio - commenta Ermanno Pensotti, presidente dell'associazione - la borsa di studio "Matteo Pensotti" nasce dalla volontà di ricordare l'impegno e la passione che il nostro Matteo ha sempre messo nei suoi studi. Nonostante la malattia e le difficoltà che ha dovuto affrontare non ha mai rinunciato a seguire i suoi sogni. Ci spiace molto che l'attuale situazione non ci permetta di festeggiare Silvia come merita e di non farle conoscere la nostra grande e chiassosa famiglia di soci».

Borsa di Studio "Vittorio Proserpio" - II edizione

È giunta alla seconda edizione la borsa di studio intitolata all'ingegner Vittorio Proserpio, primo presidente del Gruppo Lario Reti, istituita grazie al contributo di Enrica Crippa, moglie dell'ingegnere, e di Lario Reti Holding Spa. La borsa di studio, rivolta alle matricole di Ingegneria civile per la Mitigazione del rischio e Ingegneria della produzione industriale, prevede la copertura totale delle tasse universitarie fino al conseguimento della laurea triennale e, in caso di studenti fuori sede, anche la copertura dei costi di alloggio presso la Residenza "Adolf Loos" del campus. Per entrare in graduatoria due criteri di merito: il voto della maturità e il punteggio ottenuto al Tol - Test on line per l'ammissione al Politecnico di Milano.

Ad aggiudicarsi la borsa è stata Giada Tognacca, studentessa al primo anno di Ingegneria della Produzione industriale che commenta: «Ringrazio di cuore la signora Enrica Crippa e Lario Reti Holding Spa per la grande possibilità offertami con questa borsa di studio. Vedere i miei sforzi ricompensati mi riempie di soddisfazione, mi spinge ancora di più a dare il massimo nel mio percorso di studi e a non arrendermi davanti alle difficoltà». 

«Questa borsa di studio è un segno di riconoscimento della passione e della professionalità di Vittorio Proserpio, doti che hanno portato Lario Reti ad essere un punto di riferimento e di efficienza per la Provincia - commenta il dottor Lelio Cavallier, presidente di Lario Reti Holding Spa - Siamo quindi orgogliosi di poter contribuire ancora una volta allo sviluppo della formazione, della professionalità e del prestigio del Polo territoriale di Lecco, temi che furono sempre cari al compianto ingegner Proserpio».

Borsa di studio "Samuele Riva"

Si è conclusa anche la seconda edizione della borsa di studio "Samuele Riva" rivolta agli studenti del primo, secondo e terzo anno di Ingegneria civile e ambientale e Ingegneria civile per la mitigazione del rischio che avessero acquisito un certo numero di Crediti formativi universitari (Cfu) entro un determinato periodo e con una media non inferiore a 26/30. Ad aggiudicarsi il riconoscimento è stata Francesca De Vito, studentessa del primo anno di Ingegneria civile per la mitigazione del rischio che si è distinta per i crediti acquisiti e la media dei voti. «Desidero ringraziare di tutto cuore la famiglia Riva per questo filantropico gesto scaturito da un doloroso evento - dichiara la vincitrice - Mi impegnerò per dimostrarmi meritevole delle aspettative riposte, avendo come esempio l'impegno e la passione che Samuele profuse nei suoi studi».

«Ci congratuliamo con Francesca per gli studi che da poco ha intrapreso, essendo solo al primo anno, ma già con eccellenti risultati, data l'assegnazione della borsa di studio dedicata al nostro Samuele - aggiunge la famiglia Riva - Per noi è un onore contribuire al raggiungimento di questo traguardo perché ci consente di conservare un legame con il Politecnico, in particolare con il Polo territoriale di Lecco e mantenere sempre vivo lo stesso entusiasmo di nostro figlio. Nell'attesa di salutarla personalmente, in occasione di una eventuale cerimonia in presenza, auguriamo a Francesca di perseguire gli intenti con la massima volontà affinché i risultati della sua carriera siano sempre eccellenti».
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia nel Comando della Polizia Locale: colpo di pistola, muore un giovane agente

  • Tragedia a Valgreghentino: giovane giardiniere muore travolto da un escavatore

  • Emergenza Covid: a San Girolamo chiese chiuse e Padri Somaschi in quarantena

  • Oggi a Villa San Carlo i funerali Ugo Gilardi, «Un ragazzo d'oro»

  • Le regole per Natale 2020: cosa succede con gli spostamenti tra regioni, il coprifuoco e il cenone

  • Controlli anticovid nel Lecchese: due esercizi lecchesi vengono chiusi, nove i cittadini sanzionati

Torna su
LeccoToday è in caricamento