rotate-mobile
Il premio / Caleotto / Via Rivolta

La classe d'Informatica del Badoni che ha vinto il premio Trend Micro Award

La 5A dell'istituto cittadino è stata premiata in Regione

Premiati i giovani studenti del Badoni. Martedì 7 maggio, presso il palazzo di Regione Lombardia, si è tenuta ieri presso Piazza Città di Lombardia e Auditorium Testori la Competizione territoriale della Lombardia di Impresa in azione, il programma di educazione all’imprenditorialità di Junior Achievement Italia, accreditato al Ministero dell’Istruzione e del Merito, che ha coinvolto 250 studenti e studentesse delle scuole secondarie di secondo grado della regione. I ragazzi e le ragazze, divisi in 39 team, hanno presentato le loro idee durante un evento che ha visto vincitori alunni e alunne della classe IV dell’Istituto Tecnico Economico Imiberg di Bergamo.

Con l’occasione, la mini-impresa HiGlasses della classe 5A Informatica dell’IIS Badoni di Lecco ha vinto il premio “Trend Micro Award”, assegnato da Trend Micro, leader globale di cybersecurity. La classe si è distinta per l'utilizzo della tecnologia e del digitale nell’invenzione di HiGlasses, uno strumento innovativo, composto da uno schermo trasparente applicato a ciò che non si vorrebbe mai dimenticare a casa mentre ci si reca al lavoro o a scuola: il proprio paio di occhiali. Lo schermo viene posto di fronte alla lente (quindi le misure variano in base al modello, forma e grandezza della stessa), sulla quale vengono trasmesse notifiche, alert e indicazioni provenienti dal telefono, tenendo i propri impegni sempre sott'occhio senza l’utilizzo del telefono e, soprattutto, senza distrazioni. Il premio è stato consegnato da Veronica Pace, Head of Marketing Trend Micro Italia.

Le classi che prendono parte a Impresa in Azione, guidate da docenti e Dream Coach – manager d’azienda volontari - danno vita a mini-imprese di cui curano la gestione in tutti gli aspetti: dall’ideazione al lancio sul mercato. Nel corso dell’anno scolastico hanno la possibilità di acquisirenon solo competenze imprenditoriali, ma anche soft skills come la capacità di lavorare in team, di rispettare le scadenze, l’empatia e una maggior consapevolezza di sé e delle proprie capacità. 

La mini-impresa vincitrice FeNCY, della classe IV dell’Istituto Tecnico Economico Imiberg di Bergamo, ha sviluppato un oggetto realizzato con materiali ferrosi di scarto, da cui il nome che fonde il richiamo al ferro ed il termine inglese “fantasia – fancy”. “E’ un ottimizzatore di spazio – spiegano i ragazzi – nato dall’esigenza di ampliare l’area di lavoro sui banchi di scuola, in ufficio oppure in casa. La sua forma particolare permette svariati usi: può essere un sottoscrivania, una mensola da appendere al muro o un semplice oggetto di design, disponibile in una vasta gamma di colorazioni, dalle più neutre alle più vivaci”. Un’idea semplice e per questo efficace, capace di superare il classico “compito a scuola”. FeNCY deriva da un processo di riutilizzo dei materiali ferrosi e dall’avanzo di lavorazione dell’impresa FDM Fratelli Mazzola, che a sua volta produce utilizzando scarti, rendendo così il prodotto doppiamente riciclato e riciclabile. Anche le varianti di colore proposte in catalogo vengono realizzate con vernici recuperate a magazzino.

Il team vincitore parteciperà ai Campionati Nazionali di Imprenditorialità, che si terranno a Parma il 23 e 24 maggio. In questa occasione, gli studenti e le studentesse finalisti della Lombardia si confronteranno con i vincitori delle altre competizioni territoriali di Impresa in Azione, ma anche con alunni e alunne di altre scuole secondarie di secondo grado di tutta Italia, che hanno svolto un diverso percorso di PCTO orientato allo sviluppo della competenza imprenditoriale. La classe che in quest’occasione più si contraddistinguerà per l’idea imprenditoriale, per lo sviluppo di abilità e competenze richieste dal mondo del lavoro, per l’innovazione e la sostenibilità del prodotto e/o servizio realizzato, vincerà il premio Miglior Mini-Impresa Junior Achievement e parteciperà alla più grande manifestazione europea di imprenditorialità, GEN-E 2024, che quest'anno si terrà in Italia, a Catania, dal 2 al 4 luglio.

Il primo premio è stato offerto da HSBC, main sponsor dell’evento e consegnato dal CEO, Gerd Pircher: “sosteniamo con molto piacere Junior Achievement come main sponsor di questa importante iniziativa” ha dichiarato Gerd Pircher, CEO HSBC Italia. “HSBC ambisce a supportare le aziende nei loro progetti di espansione internazionale. Da qui la forte volontà di sostenere le nuove generazioni di imprenditori, e siamo molto orgogliosi, come Gruppo HSBC, di essere al fianco di JA nel mondo già dal 1942. Supportare le nuove generazioni nella comprensione e nella conoscenza di cosa significa fare impresa, a partire dall’aspetto creativo della ricerca di nuovi mercati, fino allo sviluppo, l’organizzazione e l’esecuzione di un business plan, significa investire sul futuro dell’imprenditoria di qualità. E il progettoFeNCY dell'Istituto tecnico Economico Imibergdi Bergamo, che ha vinto il primo premio nella Regione Lombardia, incarna tutte queste caratteristiche: sostenibilità, innovazione, creatività, pianificazione e un ottimo risultato finale raggiunto dal lavoro di team".

Nel corso della mattinata gli alunni e alunne hanno, inoltre, preso parte alla masterclass #YouthEmpowered, il format didattico di Coca-Cola HBC Italia che permette agli studenti di approfondire, grazie a simulazioni pratiche e coinvolgenti, alcune competenze trasversali e di business utili per il proprio percorso di studi e professionale.

“Gli studenti e le studentesse che prendono parte a Impresa in Azione dimostrano una grande volontà di mettersi in gioco, di dar forma alle proprie idee e di voler dare il proprio contributo alla società, unita a un forte impegno. Siamo molto felici di ogni progetto presentato oggi e ci auguriamo di vederne qualcuno trasformarsi in realtà”, ha dichiarato Miriam Cresta, CEO di JA Italia, che ha aggiunto: “Desidero esprimere la mia gratitudine a tutti i volontari, le aziende e i partner locali che hanno affiancato ragazzi e ragazze durante l’anno e che hanno reso possibile questa manifestazione. Un ringraziamento particolare va a Regione Lombardia, che ha sostenuto con convinzione questo evento. Vedere i territori fare sistema è per noi molto importante per creare un ponte fra scuola e mondo del lavoro anche a livello locale, per consentire appieno lo sviluppo di tutte le aree del nostro Paese”. 

L’assessore all’Istruzione e Formazione Lavoro, Simona Tironi ha invece affermato: “In un'epoca in cui le sfide ambientali e digitali sono sempre più importanti, è fondamentale formare i giovani affinché possano affrontare il mondo del lavoro con competenze e consapevolezza. Programmi formativi come Impresa in azione sono iniziative determinanti per preparare le future generazioni a un futuro lavorativo in continua evoluzione. Dobbiamo continuare a incentivare iniziative come questa per poter regalare ai nostri ragazzi il maggior numero di informazioni per il loro futuro. Non c’è buona occupazione senza una buona formazione”.

Impresa in azione: cos'è

Impresa in azione è il più diffuso programma di educazione imprenditoriale per tutte le tipologie di scuola superiore. Riconosciuto dal Ministero dell’Istruzione come “Percorso per le competenze trasversali e per l’orientamento (PCTO)” e dalla Commissione Europea come “la più efficace strategia di lungo periodo per la crescita e l’occupabilità dei giovani”, in 21 anni ha coinvolto oltre 200 mila studenti italiani, oltre 7.000 nell’anno scolastico 2023/2024, e 400 mila all’anno in tutta Europa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La classe d'Informatica del Badoni che ha vinto il premio Trend Micro Award

LeccoToday è in caricamento