Gallera: «Non usciamo di casa sabato e domenica, forse in 8 giorni la prima svolta»

L'assessore al Welfare di Regione Lombardia, Giulio Gallera: «La crescita che registriamo è costante e non esponenziale in questi ultimi giorni. Questo può essere un primo segno»

Giulio Gallera

Sono giorni fondamentali per fermarela diffusione del coronavirus in Italia. Fondamentali, a patto che nel weekend gli italiani restino a casa. 

«La crescita che registriamo è costante e non esponenziale in questi ultimi giorni. Questo può essere un primo segno. Certo, gli effetti li vedremo tra una decina di giorni, ma la crescita è costante». Il modello da seguire è la risposta di Codogno dopo essere diventato zona rossa: «Sforziamoci tutti». Sono parole dell’assessore al Welfare di Regione Lombardia, Giulio Gallera, intervenuto come spesso accade in queste settimane su Rai3 ad Agorà.

Coronavirus, Gallera: «Non usciamo il sabato e la domenica»

«Le temperature stanno diventando miti, ma non usciamo il sabato e la domenica. Stiamo a casa anche se c’è il sole. Sabato scorso la situazione era agghiacciante, con gente nei parchi e per strada. Se resistiamo otto giorni, io penso che forse arriviamo a una svolta».

Gallera chiede inoltre che si valuti una ulteriore stretta e la chiusura di altre aziende, ma non di tutte, almeno in Lombardia. I prossimi giorni possono essere decisivi.

Ospedale con 500 posti letto alla Fiera di Milano si può fare in 10 giorni

La Regione Lombardia è pronta a realizzare, in 10 giorni, un ospedale con 500 posti letto nella struttura della Fiera ma attende il via definitivo della Protezione civile, ha assicurato l'assessore al Welfare della Regione Lombardia Giulio Gallera a Mattino 5. «Il problema vero sono i respiratori e il personale, che deve essere formato e qualificato - ha spiegato Gallera - Oggi alle 13 abbiamo l'incontro con la Protezione civile che ci deve dare una risposta definitiva. Noi in dieci giorni siamo in grado di realizzarlo». «Il bello del nostro modulo - ha aggiunto Gallera - è che una volta realizzato in Lombardia si può trasferire così com'è».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Abbiamo bisogno solo per i nostri infermieri e medici di 300mila mascherine al giorno. Stiamo provando a farle produrre da qualche nostra impresa tessile, magari senza certificazione Ce, ma stiamo studiando col Politecnico la garanzia che tutelino dai batteri e dai virus e poi proveremo a produrle», ha anche detto Gallera a Mattino 5.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sparatoria a Olginate, morto l'uomo colpito nell'agguato

  • Sparatoria di Olginate, Passoni: «Parenti della vittima in collera, ma serve mantenere la calma»

  • Dove gustare un buon aperitivo a Lecco

  • Agguato a Olginate, esplosi colpi di pistola: uomo in condizioni gravissime

  • Everesting completato! Diciassette ore e quarantuno minuti tra Valmadrera e Pianezzo, l'impresa di Butti e Ciresa

  • Cacciatore colto da malore: elitrasportato a Lecco in gravi condizioni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccoToday è in caricamento