Attualità

Richiami dosi eterologhe under 60: non si è presentato il 15% degli interessati

Vaccini anticovid, Asst Lecco: “Ipotizziamo che la bassissima percentuale del 15% di persone che non si sono presentate per il richiamo sia legata al poco preavviso che gli utenti hanno avuto"

Vaccini anticovid nel Lecchese: l'85% degli under 60 a cui era stata somministrata Astrazeneca come prima dose si sono ripresentati per ricevere la seconda dose eterologa con Pfizer o Moderna. Il dato è stato reso noto oggi da Asst Lecco. Solo il 15% dunque non è tornato nei tempi programmati a rivecere il richiamo.

Ricoveri in ospedale: rimane bassa la pressione sui reparti di Manzoni e Mandic

“Ipotizziamo che la bassissima percentuale del 15% di persone che non si sono presentate per la seconda dose sia ascrivibile al poco preavviso che gli utenti hanno avuto - dichiara Enrico Frisone, Direttore Socio Sanitario dell'ASST di Lecco - Crediamo che questa quota di 'no show' potrebbe essere recuperata nei prossimi giorni".

"Nessun cittadino, al momento, ha rifiutato la somministrazione della seconda dose eterologa"

"Dai centri vaccinali dell’Asst di Lecco ci riferiscono che nessun cittadino, al momento, abbia rifiutato la somministrazione della seconda dose eterologa - aggiunge Frisone in una nota stampa - Desideriamo comunque ribadire il concetto che, rispetto l’efficacia dei vaccini, secondo gli ultimi dati scientifici pubblicati, una singola dose di vaccino ha un’efficacia solo del 33% nei confronti della nuova variante delta, e che solo dopo la seconda dose, (sia omologa che eterologa) l’efficacia sale all’88% e previene le ospedalizzazioni per oltre il 90%".

ASST vaccini richiami-2

Sopra la tabella relativa alle vaccinazioni degli under 60 a cui è stata somministrata la seconda dose eterologa (Pfizer-Moderna).

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Richiami dosi eterologhe under 60: non si è presentato il 15% degli interessati

LeccoToday è in caricamento