Asst, la Rsu insorge: «Oltre 200 contagiati nella seconda ondata. Siamo eroi stanchi e dimenticati»

Il sindacato interno promette ricorso contro la decisione della dirigenza di assumere 102 dipendenti nelle posizioni funzionali: «Scioperi nei prossimi giorni contro certe scelte»

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LeccoToday

La Rsu dell’Asst esprime tutta la sua delusione e rabbia per ciò che sta avvenendo nei presidi dell’Asst Lecco. Ci troviamo di fronte all’ennesima diffusione del contagio tra i colleghi dipendenti: dopo i 336 della prima ondata primaverile del virus, oggi siamo difronte alla situazione che coinvolge oltre 200 lavoratori.

Avevamo chiesto più sicurezza, più assunzioni, più compartecipazione nell’affrontare questa seconda ondata: ci ritroviamo, invece, questi risultati scoraggianti e mortificanti.

Siamo punto e capo, esposti alla deludente gestione organizzativa e alla totale unilateralità da parte della dirigenza Asst, la quale calpesta ogni regola e, nel bel mezzo della pandemia, procede alla selezione delle posizioni funzionali senza accordi sindacali e in modo unilaterale. Contro ogni buon senso vuole selezionare 102 persone, in barba alla tutela della salute dei lavoratori. La selezione interna, ovviamente, non è urgente in questo momento e, soprattutto, non necessaria dopo che l'abbiamo più volte bocciata e contrastata, considerandola una distribuzione di denaro eccessiva a pochi e a discapito di tutti i lavoratori.

Procederemo, con le organizzazioni sindacali che aderiranno, al ricorso nelle sedi più opportune: Tar, giudice del lavoro, tribunale ordinario, ecc. per quanto riguarda quest’operazione delle nuove posizioni funzionali decise in modo unilaterale.

Purtroppo questa dirigenza conferma la sua totale insensibilità durante l’emergenza, che ci vede ogni giorno in trincea come carne da macello ed è veramente preoccupante la diffusione del contagio tra i dipendenti, ormai arrivati a oltre 200 lavoratori infetti in poche settimane. Chiediamo per l’ennesima volta interventi urgenti che tutelino il personale.

Invitiamo tutti i lavoratori alla partecipazione dei vari scioperi indetti in questi prossimi giorni e nelle successive settimane. Per rivendicare più sicurezza, più assunzioni, meno sprechi, meno dirigenti e più salario per gli eroi dimenticati e stanchi.

Rsu Asst Lecco

Torna su
LeccoToday è in caricamento