rotate-mobile
Attualità

Salute mentale e disagi psichici: i dati di Ats Brianza

La categoria più numerosa di persone assistite riguarda i "Disturbi nevrotici". Seguono i "Disturbi dello sviluppo psicologico" tipicamente infantili e i "Disturbi dell'umore"

L’Organizzazione Mondiale della Sanità definisce la salute mentale come uno “stato di benessere emotivo e psicologico nel quale l’individuo è in grado di sfruttare le sue capacità cognitive o emozionali, esercitare la propria funzione all’interno della società, rispondere alle esigenze quotidiane della vita di ogni giorno, stabilire relazioni soddisfacenti e mature con gli altri, partecipare costruttivamente ai mutamenti dell’ambiente, adattarsi alle condizioni esterne e ai conflitti interni”. Lo ricordano gli uffici di Ats Brianza - l'Agenzia di Tutela della Salute alla quale fanno riferimento i territori di Lecco, Monza e Vimercate - illustrando una serie di dati sul tema raccolti a livello locale.

"Negli ultimi due anni sono cresciuti i disturbi psichici nella popolazione"

Ats Brianza, tramite l’Unità Operativa di Epidemiologia e l’Unità Operativa di Analisi della Domanda, ha infatti effettuato un importante lavoro di collegamento e analisi dei molteplici dati territoriali sul disagio psichico, elaborati a partire dai flussi informativi di rendicontazione sanitaria e sociosanitaria gestiti dall’Agenzia, che consentono di avere una visione d’insieme utile per valutare in modo più approfondito la realtà del territorio. I dati sono già stati oggetto di alcune prime riflessioni con gli stakeholder del territorio, con particolare riferimento alle Asst e ai servizi per la Salute Mentale adulti e minori, sono stati presentati in sede di Organismo di Coordinamento per la Salute Mentale e per le Dipendenze e saranno oggetto di ulteriori approfondimenti. 

Tutti i dati analizzati

I dati analizzati hanno riguardato il periodo 2016–2019 incrociando e identificando per singolo assistito i milioni di record relativi a oltre 15 differenti tipologie di rendicontazione: sono stati conteggiati gli assistiti e i residenti per i quali è stata individuata almeno una prestazione riconducibile ad una condizione di disagio psichico e sono state adottate in fase di analisi adeguate metodologie di standardizzazione delle informazioni per consentire, per quanto possibile, una lettura territoriale integrata. In totale sono stati identificati oltre 101.000 soggetti al 31/12/2019 che hanno avuto un accesso nel quadriennio a prestazioni o servizi di Salute Mentale e suddivisi in 11 categorie diagnostiche, pari al 8.4% della popolazione. 

Gli utenti sono di genere femminile nel 51% dei casi con categoria diagnostica identificata, che sale al 57% includendo anche gli ulteriori 132.000 soggetti che hanno consumato psicofarmaci in assenza di categorizzazione diagnostica. Dall’analisi dei dati emergono alcuni profili di età di identificazione delle principali categorie di disagio psichico, differenti in età evolutiva, adolescenziale ed adulta, a cui sono associati diversi gradi di gravità e sofferenza individuali, nonché un pesante carico di assistenza che grava sui familiari e onerosi costi economici e sociali. 

La categoria identificata più numerosa è quella dei “Disturbi nevrotici” ed include circa 24.000 soggetti con età media di 48 anni (57% femmine), seguono i “Disturbi dello sviluppo psicologico”, tipicamente infantili (età media 12 anni) che comprendono oltre 18.000 soggetti in maggior parte maschi (65%); i “Disturbi dell'umore” interessano 10.500 persone di età media di 59 anni e per oltre 2/3 interessano le donne; i “Disturbi comportamentali” con esordio abituale nell'infanzia e nell'adolescenza sono identificati in media a 15 anni di età e per 2/3 sono maschi, il “Ritardo mentale” viene intercettato per circa 7.000 persone in età giovanile. 

La “Schizofrenia” interessa almeno 5.600 persone

Al di là della consistenza numerica, la “Schizofrenia” è un importante capitolo del disagio psichico e interessa almeno 5.600 persone: è riconosciuta prevalentemente tra le donne fino a 60 anni e poi viene identificata più frequentemente tra gli uomini. Un cenno a parte meritano i “Disturbi psichiatrici di natura organica”, che includono 15.000 soggetti di età estremamente avanzata (età media 78 anni), e che marginalmente interessano l’area psichiatrica, e i “Disturbi psichici e comportamentali da uso di sostanze psicoattive” che hanno alcuni problemi di analizzabilità in virtù dell’anonimato che li contraddistingue: è comunque possibile definire che i Servizi per le Dipendenze (Serd) svolgono un importante lavoro di gestione del fenomeno che, grazie a loro, viene meno intercettato dai servizi generici territoriali. 

Gioco d'azzardo patologico: nasce il Piano d'intervebto specializzato

Infine, una sottolineatura va dedicata al consumo di farmaci suggestivi di disagio/disturbo psichico in soggetti non categorizzabili perché anche fruitori di servizi per la Salute Mentale. L’elevato utilizzo di psicofarmaci in persone non in carico ai servizi apre necessariamente una riflessione sul corretto utilizzo di tali prodotti nelle persone con disagio psichico e nella possibilità di accesso ai servizi, sia in termini di disponibilità di risorse del sistema sia in termini di lotta allo stigma. 

A settembre la Conferenza sulla Salute mentale

Nel riaffermare il principio sostenuto dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, che non c’è salute senza salute mentale, ATS Brianza ha dunque implementato un percorso di analisi del funzionamento dei servizi per la salute mentale e delle risposte ai bisogni di salute della popolazione finalizzato al ripensare la programmazione futura, anche alla luce delle vulnerabilità emerse nel corso della pandemia. 

"Confermando l'impegno a mantenere il tema della salute mentale al centro dei propri impegni di governance e di programmazione - commenta Direttore Generale di Ats Brianza, Carmelo Scarcella - Ats della Brianza sta organizzando, per il prossimo settembre 2022, in collaborazione con le Asst e gli altri soggetti della rete e dell’Organismo di Coordinamento della Salute Mentale, la Conferenza sulla Salute mentale che avrà da un lato l’obiettivo di un percorso di approfondimento dei dati e delle azioni di cura della realtà territoriale, dall’altro una funzione propositiva sul tema, valorizzando le azioni, gli interventi, le progettualità e le buone pratiche in atto sul territorio".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Salute mentale e disagi psichici: i dati di Ats Brianza

LeccoToday è in caricamento