rotate-mobile
La star / Castello / Corso Giacomo Matteotti, 32

Una sorpresa spaziale: al Planetario di Lecco spunta Samantha Cristoforetti

L'astronauta protagonista in collegamento video con Gianpietro Ferrario in occasione della Yuri's Night. "Cosa faccio ora? Dialogo con le aziende che costruiranno le future stazioni spaziali private"

Una 'stella' illumina a sorpresa la serata del Planetario di Lecco. Venerdì alla struttura di Parco Belgiojoso è comparsa, in videocollegamento e a sorpresa per il folto pubblico, nientemeno che Samantha Cristoforetti.

La celebre astronauta ha partecipato alla conferenza di Gianpietro Ferrario in occasione della Yuri's Night, celebrazione internazionale che si tiene ogni 12 aprile per commemorare le pietre miliari dell'esplorazione spaziale e che prende il nome da Yuri Gagarin, cosmonauta sovietico e primo umano a raggiungere lo spazio nel 1961.

Ferrario, che ben conosce 'AstroSamantha' anche in virtù del suo impegno nel progetto Ariss che connette le scolaresche con la stazione spaziale (oltre che per la preidenza di Isaa, associazione culturale senza fini di lucro fondata nel 2008 che ha come scopo la divulgazione delle scienze spaziali e astronautiche in lingua italiana), le ha dato il bentornato al Planetario a 14 anni di distanza dalla sua prima apparizione, in quella occasione in presenza per raccontare la sua esperienza.

Il pubblico al Planetario per Samantha Cristoforetti

La sua nova 'missione'... sulla Terra

Nel corso della serata Cristoforetti ha parlato del suo nuovo impiego, ovviamente sulla Terra. "Ho preso una responsabilità diversa da ciò che ho fatto negli ultimi anni, ma mi sto divertendo. Sto lavorando molto e sto imparando un sacco di cose, è una bella sfida - ha spiegato l'astronauta alla platea del Planetario - Qualche mese fa abbiamo avuto l'opportunità di avere il via libera dall'Esa e stiamo contattando alcune industrie europee per lo sviluppo di un veicolo cargo. Inizialmente per compiere una missione dimostrativa sulla stazione spaziale, e poi per il periodo successivo".

"La stazione spaziale si sta avvicinando infatti al suo fine vita, previsto per il 2030 - ha proseguito Cristoforetti - In orbita bassa non ci saranno più stazioni spaziali istituzionali, pubbliche, ma solo avamposti privati di aziende private che venderanno l'opportunità di raggiungerle. Noi astronauti non ci siamo andati comprando il biglietto ma perché, grazie al cielo, sia come Italia e come Europa siamo dei partner e quindi è come andare a casa nostra. Quando saranno private non potremo certo comprare i biglietti, quindi stiamo cercando di capire come possiamo metterci nelle condizioni di essere ancora dei partner anche con questi enti privati. Una delle opportunità è quella di essere capace di fare rifornomento nel trasporto di cargo e possibilmente anche nel ritorno a Terra, in modo di poter fare degli scambi".

Il folto pubblico che ha riempito la sala conferenze del Planetario naturalmente ha apprezzato non solo la competenza di 'AstroSamantha', ma anche la sua simpatia e la sua disponibilità.

"Legame particolare fra Lecco e Samantha"

"Con Samantha c'è un legame particolare da molto tempo, ancora prima di quando ha iniziato a fare l'astronauta - spiega Ferrario - Era iscritta al Forum Astronautico nato da Marco Zambianchi , che è nostro socio da sempre. Quando è stata selezionata come astronauta la conoscevamo già, è sempre rimasta in buoni rapporti con noi. Siamo amici, è venuta nel 2010 a trovarci e anche dopo le sue varie missioni il legame non si è mai perso. Le abbiamo chiesto di poterci venire a trovare qui a Lecco anche solo virtualmente in occasione della Yuri's Night, ed è stata molto disponibile".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Una sorpresa spaziale: al Planetario di Lecco spunta Samantha Cristoforetti

LeccoToday è in caricamento