Ai tempi del Covid: Villa Monastero svela le sue meraviglie via internet

Con "Il bello dell’abitare a Villa Monastero: curiosità e arredo in una dimora eclettica lariana" si potranno scoprire i segreti della struttura sul sito e sui canali social

Scoprire da casa una delle principali bellezze architettoniche del territorio. In questo periodo in cui non è possibile visitare giardini e musei a causa dell’emergenza sanitaria Covid-19, la Provincia di Lecco propone una iniziativa on-line per coloro che ancora non conoscono Villa Monastero e per chi desidera approfondire la propria conoscenza della Casa Museo.

L'iniziativa "Il bello dell'abitare a Villa Monastero: curiosità e arredo in una dimora eclettica lariana" vedrà la pubblicazione, sul sito di Villa Monastero e sui canali social Facebook e Instagram, di news, schede descrittive curate dal conservatore della Casa Museo Anna Ranzi e foto delle sale.

L'intento dell'iniziativa è ricordare al pubblico che Villa Monastero, conosciuta a livello internazionale quale sede di prestigiosi convegni e da alcuni anni sede per eventi privati di grande fascino e suggestione, ha una storia che inizia nel Medioevo.

La storia di Villa Monastero

Villa Monastero infatti è una dimora in stile eclettico in cui ogni ambiente è pervaso dallo spirito delle persone che vi hanno abitato nel corso dei secoli e hanno impresso il proprio stile e la propria personalità. L'edificio nasce come monastero femminile cistercense fondato alla fine del XIII secolo; all'inizio del Seicento viene trasformato dalla famiglia valsassinese Mornico e successivamente ristrutturato e decorato, tra il 1897 e il 1909, dal suo proprietario tedesco Walter Kees. Nel 1936 la villa viene donata al Consiglio nazionale delle Ricerche per diventare bene pubblico e museo per volere dell'allora proprietario, il naturalista milanese Marco De Marchi. Nel 1940 viene aperto al pubblico il giardino e nel 1953 viene creato il centro congressi. Nel 2009 l'intero compendio viene acquistato dalla Provincia di Lecco, che la gestisce direttamente con continui interventi di valorizzazione e promozione.

Villa Monastero, la stagione si chiude alla grande: grandi speranze per il 2020

All'interno di Villa Monastero nel 2003 è stata istituita e aperta al pubblico la raccolta museale costituita da 14 sale con decorazioni e arredamento originali. La Casa Museo conserva inoltre la collezione di strumenti scientifici appartenuti a Giovanni Polvani, che fu presidente della Società italiana di Fisica e del Consiglio nazionale delle Ricerche.

Con questa iniziativa la Provincia di Lecco vuole accompagnare il pubblico in un percorso di scoperta e approfondimento, in vista della riapertura del Giardino Botanico e della Casa Museo in totale sicurezza, che si auspica possa avvenire quanto prima.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Valgreghentino: giovane giardiniere muore travolto da un escavatore

  • Tragedia nel Comando della Polizia Locale: colpo di pistola, muore un giovane agente

  • Le regole per Natale 2020: cosa succede con gli spostamenti tra regioni, il coprifuoco e il cenone

  • Coronavirus, la Lombardia chiede la zona arancione dal 27 novembre

  • «Ho investito in sport e prevenzione, sbagliato il lockdown nei confronti di attività come la mia»

  • Controlli anticovid nel Lecchese: due esercizi lecchesi vengono chiusi, nove i cittadini sanzionati

Torna su
LeccoToday è in caricamento