menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
I sindaci della valle San Martino e dell'Olginatese durante la manifestazione del giugno scorso a difesa del Liceo Scientifico del Rota.

I sindaci della valle San Martino e dell'Olginatese durante la manifestazione del giugno scorso a difesa del Liceo Scientifico del Rota.

«È necessaria un'offerta didattica coerente in tutte le scuole della valle San Martino»

Intervento dei sindaci di Carenno, Erve, Monte Marenzo e Vercurago in vista della ripresa di settembre: «Insieme all'Istituto comprensivo di Calolzio abbiamo effettuato verifiche sugli spazi, risultati idonei per le norme anti covid». Previste solo alcune opere mirate

«L'istituto comprensivo di Calolziocorte ha plessi diffusi nei cinque comuni della Valle San Martino: Calolzio stessa, Carenno, Erve, Monte Marenzo e Vercurago. È quindi necessario che ci sia un'offerta didattica coerente in tutti i plessi dei vari ordini di scuola: infanzia, primaria e secondaria».

L'appello, diffuso oggi, porta la firma dei sindaci Luca Pigazzini (Carenno), Giancarlo Valsecchi (Erve), Paolo Lozza (Vercurago) e Paola Colombo (Monte Marenzo). Nei giorni clou della riorganizzazione scolastica in vista della delicata ripresa di settembre post covid, i primi cittadini fanno il punto della situazione auspicando che venga garantito un equilibrio nell'offerta formativa tra tutte le realtà del comprensorio.

Lettera del sindaco di Calolzio a mamme e papà: «Siamo al lavoro per la ripresa scolastica, ma dal Ministero troppi ritardi e incertezze»

«In queste settimane in collaborazione con la direzione dell'Istituto comprensivo abbiamo effettuato verifiche sugli spazi a disposizione nei vari plessi in vista dell'avvio del nuovo anno scolastico - proseguono i sindaci - Abbiamo avuto conferma dell'idoneità degli stessi rispetto alle norme di contenimento per emergenza covid per quanto riguarda Carenno, Erve, Monte Marenzo e Vercurago. Grazie poi anche ai fondi messi a disposizione del Ministero dell'Istruzione per i comuni e istituzioni scolastiche andremo ad intervenire per sistemare eventuali necessità su pareti, arredi, attrezzature informatiche o altro.

«Siamo certi che questo sforzo messo in atto da tutti i soggetti coinvolti riuscirà a evitare una riduzione del tempo scuola»

«Abbiamo appreso poi dagli organi di informazione locale che anche il Comune di Calolziocorte sta operando per risolvere le criticità presenti nei plessi del suo territorio per garantire un avvio di anno scolastico senza restrizioni come la suddivisione in gruppi delle classi. Siamo certi che questo sforzo messo in atto da tutti i soggetti coinvolti riuscirà ad evitare anche una riduzione del tempo scuola che viceversa a cascata per uniformità di offerta didattica dovrebbe riguardare anche i plessi dei comuni che invece non hanno problemi anche con le norme di prevenzione sanitaria cui tutti siamo sottoposti».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La nuova truffa corre su WhatsApp: casi anche nel Lecchese

social

"Lol chi ride è fuori": il programma è già diventato un tormentone

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento