Elezioni 2020, la richiesta: «Per il seggio valutare opzioni diverse dalle scuole»

I consiglieri comunali di minoranza: «I bambini di Lecco si troveranno a casa subito per due giorni (lunedì 21 e martedì 22) con gli ovvi problemi per le famiglie»

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LeccoToday

Come già fatto in diverse sedi istituzionali rinnoviamo la richiesta di verificare ogni possibilità di utilizzo di strutture diverse dalle scuole dove svolgere l'attività di seggio.
La settimana successiva all'apertura del 14 settembre, i bambini di Lecco si troveranno a casa subito per due giorni (lunedì 21 e martedì 22) con gli ovvi problemi per le famiglie che ci auguriamo possano ripartire con il lavoro proprio in quei giorni. 

Ogni istituzione oltre al Comune (dagli Enti superiori alla Prefettura) deve fare di tutto per garantire che il servizio scolastico non venga interrotto, sondando ogni possibile soluzione, dal vicino oratorio alle sale comunali fino alle migliori tensostrutture della protezione civile, chiedendo alla comunità locale ogni soluzione disponibile. 
Sarebbe davvero paradossale chiudere subito scuole di 700/800 alunni per il voto di 500 persone quando è possibile almeno tentare di garantire il voto lecchese per altre vie...

Filippo Boscagli 
Massimo Riva
Antonio Grandino

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccoToday è in caricamento