rotate-mobile
Domenica, 14 Aprile 2024
Attualità Valmadrera

Il 98% dei lecchesi è soddisfatto della qualità dei servizi di Silea

I risultati della rilevazione effettuata dalla società Quaeris intervistando un campione di oltre 2.000 cittadini: "Silea è un’eccellenza tra le utilities nazionali". E piace il sacco rosso

È stato presentato ieri al Cda di Silea l’esito della seconda indagine di “Customer Satisfaction” realizzata da Quaeris Spa - società veneta specializzata nel campo dei sondaggi demoscopici ed analisi di mercato - per misurare il grado soddisfazione dell’intero bacino degli 87 Comuni soci. Dal campione di cittadini intervistati arriva una netta promozione dei servizi legati alla raccolta rifiuti e alla circular economy.

"Dopo la prima indagine del 2020, abbiamo voluto rilevare nuovamente la percezione sul livello di qualità dei nostri servizi, anche in ottemperanza alle indicazioni di Arera - commenta il direttore generale di Silea, Pietro Antonio D’Alema - Sono stati anni particolari, in cui la società ha messo in campo importanti cambiamenti ed investimenti nell’ambito dell’economia circolare. I risultati della customer satisfaction sono stati molto positivi e confermano che stiamo lavorando nella direzione giusta: il 98% dei cittadini è complessivamente soddisfatto del nostro operato. È la riprova che anche il servizio pubblico è in grado di raggiungere prestazioni elevate, peraltro a fronte di tariffe tra le più basse d’Italia". 

La rilevazione è stata effettuata dalla società Quaeris spa intervistando un campione di oltre 2.000 cittadini, rappresentativo dell’intero bacino servito. "Il risultato registrato da Silea - spiega il direttore generale di Quaeris, Giorgio De Carlo - è assolutamente lusinghiero e di eccellenza, anche a confronto con altre aziende pubbliche e private del settore operanti in diverse regioni d’Italia per le quali abbiamo svolto le medesime rilevazioni".

Francesca Rota e Pietro Antonio D'Alema.

"Con questa rilevazione abbiamo voluto ascoltare direttamente i cittadini, mettendo al centro l’obiettivo di soddisfare le loro esigenze quotidiane legate alla raccolta differenziata e alla pulizia - continua la presidente di Silea, Francesca Rota - Dobbiamo continuare a misurarci e migliorare costantemente, mantenendoci al passo dei cambiamenti, con particolare attenzione al decoro urbano, anche in chiave di attrattività turistica".

I dati dell’indagine

A livello complessivo, l’Indice di Soddisfazione generale ha registrato un voto medio pari a 8,2 (su una scala di valutazione da 1 a 10), con il 98% degli intervistati che ha valutato positivamente l’operato di Silea. "Tale risultato conferma, ed anzi migliora, la valutazione del 2020, quando l’Indice di Soddisfazione Generale era stato pari a 97%, con un voto medio pari a 8,1. In crescita anche il livello di conoscenza del marchio Silea da parte dei cittadini: l’83,6% degli intervistati ha infatti dichiarato di conoscere la società (rispetto all’82,7% della precedente rilevazione)".

Nel merito dei singoli servizi, la raccolta rifiuti - effettuata sull’intero territorio in modalità porta a porta - ha registrato una votazione media pari a 8,65, con il 33,9% degli intervistati che ha valutato il servizio con un voto pari a 10 ed il 21,5% con un voto pari a 9.  Solo il 2% si è dichiarato poco soddisfatto del servizio di raccolta rifiuti. 

Ciò che piace, e cosa non va

Ampiamente positivo anche il giudizio sui servizi di pulizia strade e di svuotamento cestini, che vedono crescere il livello di soddisfazione rispetto al 2020: l’84,3% degli intervistati si è detto molto o abbastanza soddisfatto del servizio, rispetto all’80,7% della rilevazione precedente. Tra i principali motivi di insoddisfazione emergono la presenza di cartacce, deiezioni canine e buche su strade e marciapiedi.  Particolarmente apprezzate anche la chiarezza e l’esaustività delle informazioni fornite dalla società, promosse dal 98,5% degli intervistati, con un voto medio complessivo pari a 8,39.

L’indagine è servita anche per fotografare l’apprezzamento dei cittadini rispetto all’introduzione del nuovo modello di misurazione puntuale (basato sul sacco rosso con codice identificativo dell’utenza), avviato a partire dal 2020 ed oggi esteso in 52 comuni. Il 69,4% degli intervistati, residenti nei comuni in cui è attivo il servizio, ha infatti valutato positivamente l’introduzione del sacco rosso; il 28,7% si è dichiarato neutrale (confermando di fatto la semplicità del nuovo modello, in continuità rispetto al precedente). Meno del 2% si è espresso negativamente. "Nel corso delle interviste telefoniche, i cittadini si sono dimostrati attenti e sensibili al tema della raccolta rifiuti - conclude Giorgio De Carlo - rispondendo ai quesiti dell’indagine con particolare interesse ed argomentando le risposte".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il 98% dei lecchesi è soddisfatto della qualità dei servizi di Silea

LeccoToday è in caricamento