menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Giacomo De Santis fra i giornalisti Aloisio Bonfanti e Sergio Frigerio

Giacomo De Santis fra i giornalisti Aloisio Bonfanti e Sergio Frigerio

I lecchesi invocano una piazza o una via in città per il grande Giacomo De Santis

I risultati del nostro sondaggio: l'indimenticato editore, per decenni promotore della vita culturale del capoluogo, stacca tutti con il 20% delle preferenze, davanti ad Angela Locatelli e Franco Meschi

I lecchesi intitolerebbero una via, una piazza o una struttura di rilievo in città a Giacomo De Santis. Lo ha sancito il sondaggio proposto un paio di settimane fa dalla nostra testata, sulla scia del recente cambio di toponimo fra Piazza Lega Lombarda e Piazza Stazione che aveva scatenato il dibattito sui social: perché non intitolarla a un grande personaggio del Novecento?

I profili dei candidati

A livello percentuale, come in fondo era prevedibile, il maggior numero di voti si è concentrato su "Altri", 24%, un'opzione che può comprendere un numero infinito di persone. Il preferito tra i nomi selezionati dalla nostra redazione è invece Giacomo De Santis, vera e propria istituzione che tantissimo ha fatto per la città, il quale ha ottenuto il 20% dei voti. Alle sue spalle, con il 17% delle preferenze, Angela Locatelli, anima della Resistenza. Seguono l'architetto Franco Meschi con il 14%, la professoressa Elena Gandolfi con il 9%, Aldo Paramatti con il 7%.

Chi fra gli "altri" è stato suggerito dai lettori? Fra i nomi segnalati, quello di Riccardo Cassin (che, però, vanta già a suo nome una via privata, una fondazione e un premio), ma anche Aroldo Benini, Ulisse Guzzi e Mario Marai, fotografo scomparso proprio di recente.

risultati sondaggio via piazza-2

Chi è Giacomo De Santis

Nato a Lecco nel 1935 e scomparso nel 1986, divenne direttore del Giornale di Lecco e dal 1976 proprietario e direttore della rivista Sipario. Fu promotore della vita culturale in città, organizzando concerti e manifestazioni, con un ruolo fondamentale nella rinascita del Teatro della Società di Lecco. De Santis ha lasciato al Comune di Lecco una straordinaria raccolta di libri e dischi custodita nel Fondo Giacomo De Santis. Porta il suo nome il "ridotto" al Teatro della Società.

«Una stagione irripetibile»

«De Santis è stato un genio, ha portato a Lecco e sul lago eventi irripetibili. La sua è stata una lunga e intensa stagione». Così lo ricorda Tiziano Sala, già amministratore de La Gazzetta di Lecco e Iniziative Editoriali, che iniziò la propria carriera al Giornale di Lecco diretto da Giacomo De Santis. «Iniziai a lavorare con lui come grafico nel 1972 e fino al 1981, quando uscì di scena - ricorda Sala - Devo molto a "Giacomino", ha dato modo a tanti, me compreso, di imparare una professione. Il suo vero valore si è capito negli anni successivi, quando sono venuti a mancare eventi del calibro del Festival del jazz. Aveva inoltre inventato il Premio Noci d'oro riservato ai giovani che si stavano mettendo in luce; ricordo ad esempio la scoperta di Giancarlo Giannini, che all'epoca faceva il fotografo, oppure di Loretta Goggi, Ornella Muti e di tanti altri personaggi di livello assoluto. Aveva tantissimi contatti e riusciva a portare i big della musica, del teatro e del cinema a Lecco. Ogni volta era un sold-out, uno spettacolo irripetibile. Ha avviato alla professione giornalistica tantissimi ragazzi che poi hanno avuto una carriera di tutto rispetto; cito Sergio Gavardi, caporedattore alla Gazzetta dello Sport, Giorgio Spreafico, responsabile della edizione di Lecco de La Provincia, Luigi Erba nel campo della fotografia».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Cosa si può fare in zona arancione: le nuove regole spiegate

Attualità

Al via in Lombardia treni solo per passeggeri "Covid tested"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento