menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Dal Lecchese quasi 8 tonnellate di indumenti e beni di prima necessità per aiutare i migranti della rotta balcanica

L'iniziativa è promossa dal circolo Spazio condiviso di Calolzio con il sostegno di tante associazioni. «Un importante carico di solidarietà in partenza per la Bosnia»

Dal territorio lecchese un aiuto concreto ai migranti della rotta balcanica, lungo la quale è in corso da settimane una vera e propria emergenza umanitaria aggravata dal freddo. Quasi 8 tonnellate di indumenti e beni di prima necessità sono infatti stati raccolti grazie all'impegno del Circolo Arci Spazio Condiviso di Calolzio e alla collaborazione delle associazioni Mir Sada e Qui Lecco Libera. Il materiale è già stato stoccato e partirà presto alla volta di Serbia e Bosnia Erzegovina.

Emergenza Bosnia e crisi Voss: dibattiti online e raccolta fondi insieme al circolo Spazio condiviso

«Lo scorso 8 gennaio abbiamo lanciato, come Spazio Condiviso, Mir Sada e Qui Lecco Libera, la campagna Emergenza Bosnia - spiega Daniele Vanoli del Circolo Arci Spazio condiviso - Una risposta, concreta, alle drammatiche testimonianze che ci arrivavano da Biha?, dove il 23 dicembre scorso un incendio ha distrutto parte del campo di Lipa, obbligando le persone lì ospitate a riversarsi all'esterno del campo, nel cantone di Una-Sana, senza prospettiva di ospitalità, cure mediche ed accesso al cibo e all'acqua».

Il materiale raccolto stoccato a Bosisio Parini

Il focus sulla rotta balcanica è parte integrante del lavoro di supporto, ricerca e azione che, attraverso RiVolti ai Balcani, Spazio Condiviso compie da anni, con interventi mirati e viaggi nei luoghi di maggior transito di migranti: Sid (Serbia), Velika Kladusa (Bosnia Erzegovina) e Trieste.

Pacchi 2-2

«Grazie alle relazioni costruite e intessute sul nostro territorio e non solo, la Campagna ha raggiunto risultati importanti - proseguono i volontari e le volontarie di Spazio Condiviso - Con oltre 1100 imballi e 35 bancali di beni raccolti (scarponcini, sacchi a pelo e giacche su tutti), sono quasi 8 le tonnellate di generi che sono stati stoccati presso il magazzino della Calisped srl di Bosisio Parini, società di trasporto che ha supportato i volontari e le volontarie delle realtà lecchesi impegnate nella raccolta. Un importante carico di solidarietà che si appresta a partire alla volta della Bosnia in collaborazione con No Name Kitchen, organizzazione che da anni supporta i migranti lungo la rotta balcanica. Durante la prossima settimana concluderemo l'organizzazione del trasporto internazionale, in modo che il carico possa sopraggiungere il prima possibile nella penisola balcanica e mitigare, almeno in parte, gli effetti del gelido inverno di chi si appresta a tentare il game per entrare nella “fortezza Europa”».

«Un'azione concreta di aiuto, grazie a chi ci ha sostenuto»

Se non fosse stato per il grande e instancabile lavoro dei volontari e delle volontarie, i promotori dell'iniziativa non sarebbero riusciti a centrare un obiettivo così importante in un solo mese. «Ci teniamo, in questo breve comunicato, a ringraziare i nostri “compagni di viaggio” che si sono spesi nella raccolta: le parrocchie di Ambivere, Mapello, Valtrighe e Villaggio (di Bergamo), incontrate durante le iniziative della rete #IoAccolgo di Bergamo; il circolo Arci Mille Papaveri Rossi di Chiavenna, il Gas di Merate, il Collettivo Venerdì sera sono al Libero di Lecco, le realtà aderenti al progetto Diritti in Circolo e gli storici partner L'Altra Via, Associazione Comunità il Gabbiano e tutte le singole persone che a titolo personale hanno voluto contribuire donando i beni richiesti».

«Ci rendiamo conto che la “finestra” mediatica aperta dalla stampa main stream sulle vicine vicende del confine orientale - soprattutto in merito all'illegittimità dei respingimenti italiani in Slovenia e al blocco da parte della polizia croata ai danni di quattro europarlamentari italiani - abbia giocato un ruolo chiave anche per la nostra piccola azione di solidarietà».

Da Lecco e Calolzio aiuti umanitari ai migranti della rotta balcanica

«Cionondiméno - sottolineano infine i volontari del circolo Arci di piazza Regazzoni - riteniamo importante aver saldato ulteriormente rapporti solidali che ci renderanno più facile la diffusione di notizie anche quando l'afflato mediatico sarà tornato alla “muta” normalità. Concludiamo così le azioni di gennaio che ci hanno visto impegnati su diversi fronti, vicini e lontani, sempre con un'elevata attenzione nei confronti degli ultimi, a prescindere che essi siano lecchesi, lombardi, italiani, siriani, pakistani o afghani. Questa è la nostra politica, questo è il nostro modo di incidere nel gelido inverno che sta attraversando la democrazia di questo paese e dell’Europa intera».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Cos'è il lasciapassare per uscire dalla Lombardia e spostarsi tra regioni

Attualità

Le 10 meraviglie architettoniche da scoprire nel Lecchese

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Salute

    Che cos’è il burnout da smart working?

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento