menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ritardi nell'esecuzione dei vaccini, Straniero (Pd): «Nel lecchese neanche la metà delle richieste prenotate»

Il consigliere regionale dem: «Se ne riparla a metà dicembre»

«In provincia di Lecco i vaccini antinfluenzali vengono consegnati con il contagocce: non siamo nemmeno al 50% delle richieste prenotate. E per questa settimana sembra non ne arrivino altri», lo denuncia Raffaele Straniero, consigliere regionale del Pd, che raccoglie le preoccupazioni di cittadini e operatori sanitari del lecchese.

«A questo punto, si slitta alla prossima settimana, ma i medici di medicina generale si sono già resi conto che se si mantengono i livelli di consegna attuali, ne arriveranno ancora pochi con il rischio concreto di non soddisfare tutte le richieste», continua il consigliere dem.

Per Straniero e il Pd «è evidente e gravissimo il fatto che non basteranno per tutti i pazienti indicati dalla Regione e dal Ministero della Salute come soggetti da vaccinare. Ed è altrettanto evidente che di questa situazione qualcuno dovrà rendere conto».

«Vaccinare risulterebbe molto importante»

In una comunicazione dell’Ats della Brianza si legge addirittura che, per la vaccinazione per gli ultra 65enni, relativamente alla quota di circa 200mila dosi richieste per la copertura del 75% degli assistiti a novembre sono state distribuite 136.326 dosi delle quali 53.775 già somministrate. «Ma la Direzione generale Welfare lamenta difficoltà e ritardi nelle consegne dei vaccini che ritarderanno la consegna dell’ultima tranche dei vaccini di Fluad Trivalente che avverrà solo attorno alla metà di dicembre – fa sapere ancora Straniero –. E la distribuzione sarà molto contenuta e in proporzione al carico degli assistiti, per cui chi ne ha più di 300 riceverà 40 dosi, da 200 a 299 avrà 30 dosi, da 100 a 199 solo 20 dosi e chi ha meno di 100 assistiti 10 dosi».

Straniero-3

Per non parlare della vaccinazione antipneumococco «che in tempi di Covid, cioè una malattia che colpisce gravemente i polmoni, potrebbe risultare molto importante, se non altro per non confondere i sintomi: a fronte della disponibilità di un quantitativo limitato di vaccini, si chiede ai medici di famiglia di comunicare eventuali necessità con una email all’Ats», riferisce ancora Straniero.

Insomma, per Straniero e il Pd è «la conferma di quanto denunciamo da mesi. Aver continuato a sostenere che sui vaccini andava tutto bene, anziché chiedere aiuto alle altre Regioni è un atto da veri irresponsabili. E di questo non mancheremo di chiedere conto all’assessore alla Sanità e al presidente di Regione Lombardia».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Nasce la via fittizia "via Sogni di Gianni Rodari n. 1000"

  • social

    Mangiare etnico a Lecco

  • social

    Personaggi illustri lecchesi: Giuseppe Bovara

Torna su

Canali

LeccoToday è in caricamento