"A Conte, sparate": scritta (con svastisca) sui muri di Pescarenico

Un vandalo anonimo ha scelto i muri di un'abitazione per apporre la propria protesta a sfondo politico

Bomboletta di vernice, svastica e un improvvisato dialetto romano. Così un ignoto vandalo ha espresso il suo dissenso sui muri di un'abitazione in via dell'Isola a Pescarenico, rione di Lecco: sulle pareti esterne dell'immobile è stata disegnata la scritta "A Conte, sparate", evidentemente diretta al Presidente del Consiglio dei Ministri dopo l'entrata in vigore delle misure che regolano la "Fase 2" dell'emergenza Covid-19.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Riferimenti al nazionalsocialismo erano stati fatti anche domenica per protestare contro Dante De Capitani, sindaco di Pescate.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni Comunali di Lecco: si va al ballottaggio, a inizio ottobre il nuovo sindaco della città

  • Elezioni, Amministrative di Lecco: iniziato lo spoglio. Exit poll: Ciresa tra il 49 e il 53%

  • Omicidio di Olginate: dopo otto giorni, Stefano Valsecchi si è costituito

  • Entrano in una scuola, interrompono la lezione e sbeffeggiano l'insegnante: denunciati due diciottenni

  • Giornata flagellata dal maltempo: una quarantina di interventi nel territorio

  • Elezioni Comunali di Mandello: Riccardo Fasoli si conferma sindaco

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccoToday è in caricamento