Sei Comuni fanno da apripista alla tariffazione puntuale di Silea

Oggiono, Ello, Dolzago, Colle, La Valletta, Santa Maria Hoè votano a favore: agli utenti si applicherà il metodo "Rfid" che premia il riciclo. Nessun costo a carico del cittadino

Parte dal bacino del Monte di Brianza la sperimentazione della tariffazione puntuale di Silea. Ad adottarla, a partire da luglio 2020, saranno sei comuni: Oggiono, Ello, Dolzago, Colle Brianza, La Valletta, Santa Maria Hoè. Si tratta delle Amministrazioni che fino a oggi avevano mostrato interesse alla "rivoluzione" del sistema di raccolta dei rifiuti, con un bacino totale di 21mila abitanti e dunque sufficiente (la soglia è 20mila) per far scattare la sperimentazione.

Tre le modalità di raccolta proposte da Silea: il sacco prepagato, il "Rfid" e il peso dei rifiuti per utenza. La scelta è ricaduta sul "Rfid", ritenuto la tipologia ideale: consiste nel leggere tutti i sacchi attraverso un chip, con l'invio telematico dei dati per ogni singolo utente associato al sacco. Il rapporto qualità/prezzo è stato ritenuto dai sindaci migliore delle altre due soluzioni. L'aspetto più importante è che i costi di attivazione saranno a carico di Silea attraverso un investimento, e non ricadranno sui cittadini in bolletta.

Controlli antidroga nei boschi della Brianza: fermato un giovane, presunto spacciatore

«Con questo sistema, più ricicli e più risparmi - commenta soddisfatto il sindaco di Santa Marie Hoè, delegato al ciclo integrato dei rifiuti per l'Unione dei Comuni con La Valletta, Efrem Brambilla - I cittadini verranno riforniti con i sacchi chippati che soltanto loro potranno usare. Cambierà sia il sistema sia la qualità della raccolta, con un miglioramento della raccolta differenziata che io auspico intorno al 5% del totale. Il "Rfid" si applica dove c'è già una certa maturità sotto questo punto di vista da parte della cittadinanza. Ringrazio Silea per avere preparato tutto in così poco tempo. Si è comportata bene, e tutti i sindaci che erano presenti hanno votato all'unanimità sul nostro bacino. Un grazie particolare a due colleghi che si sono spesi molto, Virginio Colombo di Ello e Paolo Lanfranchi di Dolzago, non a caso dentro questo gruppo di comuni che avvierà la sperimentazione. Siamo molto contenti che ora ci sia anche un centro importante come Oggiono».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tempistiche? Le prime forniture di sacchi arriveranno nel luglio 2020: dopo un periodo di contabilizzazione, si entrerà a pieno regime nel 2022. I sei Comuni faranno da apripista a tutti gli altri del Lecchese.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un lockdown "morbido" tra dieci giorni e l'ipotesi coprifuoco alle 21 in tutta Italia

  • Oggiono: incidente in via per Molteno, giovane finisce in ospedale in gravi condizioni

  • Nuovo Dpcm: stop anticipato a ristoranti-bar, no al divieto di circolazione

  • Coronavirus, il punto: oltre cento tamponi positivi, nel Lecchese superata quota quattromila. "Manzoni": tre posti liberi nei reparti

  • Ordinanza regionale sotto accusa, Gattinoni: «Ci era stata consegnata una bozza diversa per la Dad»

  • Ospedale di Lecco, «in caso di necessità pronti ad accogliere 200 pazienti covid»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccoToday è in caricamento