Problemi / Centro storico / Piazza Stazione

Treni e problemi: 27 guasti in un mese

I dati che arrivano da Sondrio parlano chiaro

I dati parlano chiaro: il trasporto ferroviario continua ad avere gravi problemi. I dati arrivano da Sondrio: lo dimostrano i numeri "raccontati" dal sindaco del capoluogo Marco Scaramellini durante la seduta del consiglio comunale di venerdì pomeriggio a palazzo Pretorio, in risposta a un'interrogazione presentata dal consigliere Giocondo Cerri (Futuro Insieme), come riportato dai colleghi di SondrioToday.it.

A marzo di quest’anno si sono infatti registrati ben 27 guasti agli impianti o ai passaggi a livello proprio sulla linea Tirano-Milano che hanno provocato ritardi, cancellazione e notevoli disagi ai lavoratori e agli studenti che utilizzano il treno.

"Il treno - ha confermato Marco Scaramellini - sta diventando una scelta residuale a causa di un livello di affidabilità che è indubbiamente peggiorato. Chiediamo un miglioramento non solo del servizio, ma anche del livello di comunicazione ai passeggeri. L’interlocuzione con Trenord è costante, mentre con Rfi è più difficile e proprio Rfi è chiamata a fare la sua parte, visto che è un soggetto importante e da cui dipendono tanti disservizi".

Tra le ragioni dei disservizi e dei ritardi, quando non imputabili ai guasti relativi anche ai passaggi a livello (62 nei 105 chilometri di binario unico tra Tirano e Lecco, di cui 26 saranno dismessi prima delle Olimpiadi) anche il fatto che in un giorno feriale si registrano ben 14 incroci ogni ora tra i convogli in circolazione e, su una linea a binario unico questo può causare per l'appunto molto facilmente ritardi e disagi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Treni e problemi: 27 guasti in un mese
LeccoToday è in caricamento