Attualità

Trenord al contrattacco: "Non corretto quanto detto dal Pd sulle penali"

"Non è vero che nei primi 6 mesi di quest’anno le penali incassate dalla Regione sono aumentate di 7 volte. Gli 11 milioni di euro citati fanno riferimento ad assestamenti di bilancio regionale per penali/detrazioni relative al 2022"

Dopo la presa di posizione del Pd regionale in merito alle penali pagate da Trenord, interviene in merito - con una nota stampa - Trenord per precisare la posizione dell'azienda. "In questi giorni, alcuni consiglieri regionali del PD stanno fornendo alle redazioni di testate locali cifre false e male interpretate relative a penali e detrazioni pagate da Trenord a Regione Lombardia, per obiettivi non raggiunti o servizi non resi (ad esempio, soppressioni o decurtazioni) - spiegano gli uffici di Trenord - Non è vero, come comunicato dal Pd, che 'nei primi sei mesi di quest’anno le penali incassate dalla Regione sono aumentate di 7 volte, passando da 1,5 a 11,2 milioni di euro'. Gli 11 milioni di euro citati fanno riferimento ad assestamenti di bilancio Regionale per penali/detrazioni relative al 2022".

"La cifra delle penali e detrazioni per il 2022 non è però ancora consuntivata con Trenord, tenuto anche conto che 5 milioni di euro sono riferiti alla necessaria sospensione del servizio nel Passante Ferroviario, tra luglio e agosto 2022, per il consumo anomalo dei bordini delle ruote a contatto con un tratto di rotaia".

"Gli 1,5 milioni sono la somma di penali e detrazioni pagate da Trenord nel 2021 poiché, per il decreto Cura Italia, durante l’emergenza Covid non venivano applicate penali e riduzioni di corrispettivo per la diminuzione del servizio - precisano inoltre Trenord - Sbagliato, nella comunicazione del Pd, anche il numero delle volte in cui sono stati riconosciuti i bonus: 145 e non 160 su 456 analisi. Ricordiamo che per definire le linee 'in bonus' vengono sommati mensilmente i minuti di ritardo superiori ai 5 minuti accumulati dalle singole corse ai minuti delle corse soppresse. Il dato così ottenuto viene rapportato alla durata complessiva di tutte le corse di quella direttrice, secondo quanto previsto dal Contratto di servizio".

"L’attuale assetto contrattuale - si legge infine nella nota inviata agli organi di informazione - rende difficile per Trenord rivalersi nei confronti di Rfi e Ferrovie Nord, per soppressioni e ritardi dovuti a cause riconducibili alle infrastrutture e alla gestione della circolazione, e porta a identificare Trenord come unico responsabile dell’affidabilità".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Trenord al contrattacco: "Non corretto quanto detto dal Pd sulle penali"
LeccoToday è in caricamento