Attualità

Turismo sostenibile, Anna e Jonathan pronti per la missione in Spagna

Anche due studenti della valle San Martino parteciperanno al progetto in stile Erasmus con un'attenzione specifica al Cammino di Santiago. Tra cultura e formazione

Anna Radaelli (di Monte Marenzo, laureanda in scienze turistiche) e Jonathan Esteban Galarraga Alvarez (di Calolziocorte, studente di comunicazione).

Anche due giovani della valle San Martino protagonisti di uno scambio culturale in Spagna, con un'attenzione specifica al Cammino di Santiago. Si terrà infatti dal 31 luglio al 9 agosto lo scambio giovanile “In the shoes of a pilgrim” (nei panni di un pellegrino) a cui parteciperanno 4 giovani tra i 18 e i 30 anni: Anna Radaelli (di Monte Marenzo, laureanda in scienze turistiche), Eleonora Porcu (di Monza, attivista dei Friday for Future), Alessandro dell’Orto (di Lesmo, neo diplomato al Liceo Agnesi di Merate e parte del gruppo ambientalista della scuola) e Jonathan Esteban Galarraga Alvarez (di Calolziocorte, studente di comunicazione).

La notizia è stata resa nota oggi dalla Cooperativa sociale Liberi Sogni di Calolzio, i cui portavoce ricordano: "C’è ancora un posto per un quinto partecipante che possa unirsi al gruppo". Per informazioni e candidature: adriana.carbonaro@liberisogni.org

La Cooperativa Liberi Sogni: "Un'importante occasione formativa legata al progetto Erasmus"

"La Cooperativa Sociale Liberi Sogni Onlus, da anni impegnata sul territorio lecchese nella creazione di occasioni formative e di crescita per i giovani specialmente su temi culturali e ambientali, è partner del progetto Erasmus insieme ad altre organizzazioni europee - ricorda in una nota Adriana Carbonaro - In tutto saranno 30 i giovani che prenderanno parte all’esperienza provenienti da Spagna, Norvegia, Estonia, Georgia e Armenia. Lo scambio verrà realizzato a Casaio, nella regione di Valdeorras, in Galizia, in un luogo ricco di storia e natura attraversato dal Cammino di San Giacomo, un tratto del famoso sentiero di pellegrinaggio, che conduce a Santiago de Compostela".

Eleonora-4

Eleonora Porcu di Monza, attivista dei Friday for Future.

I temi dello scambio: turismo sostenibile e incontro tra culture

I temi dello scambio tra Italia e Spagna saranno tursimo sostenibile e incontro tra culture. Lo scambio si propone infatti di far conoscere il patrimonio materiale e immateriale locale e in particolare “Il Cammino d’Inverno”, un tratto del Cammino di San Giacomo, utilizzato storicamente dalle legioni romane, dai mulattieri medievali e dalle truppe napoleoniche, che consente da sempre ai pellegrini, nei mesi invernali, di girare intorno alla catena montuosa orientale della Galizia con altezze inferiori a quelle del cammino Francese.

Alessandro-2

Alessandro dell’Orto di Lesmo, neodiplomato al Liceo Agnesi di Merate.

Durante i 10 giorni di convivenza i partecipanti si confronteranno sul modello di sviluppo turistico che si vorrebbe dare alla zona, rispettoso della natura e sostenibile, sull’esperienza di chi decide di intraprendere un pellegrinaggio e su cosa turisti, pellegrini o immigrati portano nelle culture che li accolgono e viceversa.

"Fare scuola all'aperto si può!" Prove di outdoor education in tre Istituti comprensivi

"Sarà un’esperienza interculturale di conoscenza e scambio, di promozione del rispetto dell’altro, di tolleranza e cooperazione - proseguono i portavoce della cooperativa guidata dal presidente Matteo Rossi - Il tutto sarà realizzato attraverso attività di team building e di conoscenza, giochi di ruolo, giochi di riflessione, attività e giochi interculturali. Ogni sera ci sarà l’Intercultural evening in cui i partecipanti di ciascuna nazione proporranno canti, danze, cibi e bevande tipici del proprio Paese agli altri".

Al termine dell’esperienza verrà rilasciato un certificato “Youthpass”

È  prevista inoltre una visita alle locali miniere di ardesia e una giornata di trekking lungo il Cammino. "Ci auguriamo che possa essere per questi ragazzi/e un’occasione di crescita personale e che, una volta tornati a casa possano raccontarla e dar vita a nuovi progetti locali e internazionali a partire dai contatti, dagli scenari e immaginari nati durante lo scambio. La Cooperativa Liberi sogni è pronta a supportarli in questo percorso e a fornirgli spazi e occasioni per sviluppare nuove idee sul territorio". Al termine dell’esperienza verrà rilasciato un certificato “Youthpass” che attesta le competenze acquisite ed utilizzato a livello europeo per certificare questo tipo di esperienze.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Turismo sostenibile, Anna e Jonathan pronti per la missione in Spagna

LeccoToday è in caricamento